Dopo Cop28

Epson: “Preoccupati e timorosi ma fiduciosi: ecco lo stato d’animo della Generazione COP”

La big tech annuncia il progetto “Ad alta voce”, animazione digitale dal forte impatto emotivo che si basa sull’indagine Epson Climate Reality Barometer e che porta alla luce i sentimenti dei nati dopo la prima COP del 1995 in merito agli effetti del cambiamento climatico. Emerge che preoccupazione, timore e speranza, sono gli stati d’animo che questa generazione sperimenta davanti a questo fenomeno

Pubblicato il 22 Dic 2023

Per sondare i sentimenti delle nuove generazioni riguardo agli effetti del cambiamento climatico, in occasione della COP28 Epson ha avviato il progetto “Ad alta voce” (https://www.youtube.com/shorts/jBRwnin88NY) sviluppato insieme a due giovani artisti digitali di talento. L’azienda ha invitato la cosiddetta generazione COP, che comprende i nati dopo la prima COP del 1995, a scegliere le parole che meglio esprimono i loro sentimenti nei confronti del cambiamento climatico. I risultati hanno rivelato un mix contrastante e sorprendente di preoccupazione, timore e speranza, tutti presenti in egual misura.

“Mentre i leader mondiali erano riuniti alla COP28 – ha dichiarato Yasunori Ogawa, presidente di Epson – noi abbiamo voluto concentrarci sulla generazione futura, quella che più sarà influenzata dalle decisioni che verranno prese ora. Il nostro sondaggio ha rivelato uno stato d’animo incerto tra timore, preoccupazione e speranza.”

“Ad alta voce”: parla la generazione COP

Per fare emergere queste voci, Epson ha collaborato con gli artisti digitali Katy Wang e Gabriel Greenough nella realizzazione di un’opera d’arte digitale originale che, con grande efficacia visiva, mirasse a descrivere questo stato d’animo espresso dalle voci della generazione COP. Basandosi sull’Epson Climate Reality Barometer, il duo artistico ha prodotto un’animazione sociale dal forte impatto emotivo che, attraverso l’impiego di svariate tecniche, ha saputo esprimere la complessa relazione dell’umanità con la natura e l’ambiente nel XXI secolo. Non solo, per per testare quanto stavano creando, si sono avvalsi di una stampante inkjet Epson EcoTank.

WHITEPAPER
Energia rinnovabile: il mercato e il panorama degli incentivi per l’eolico
Smart Grid
Utility

“Ciò che di interessante è emerso dalla ricerca condotta da Epson tra la generazione COP – ha dichiarato Katy Wang – è quanto convivano in essa, in parti praticamente uguali, speranza e timore. Ci ha fatto riflettere sui momenti che tutti abbiamo vissuto negli ultimi due anni dopo la pandemia e, a livello personale, su come siamo diventati più connessi all’ambiente”. Katy svela inoltre quanto sia stato facile riconoscersi nel contrasto tra pessimismo e speranza messo in luce dal Climate Reality Barometer e come abbia cercato di creare un’animazione che celebrasse la varietà e la bellezza della natura, oltre a trasmettere quel senso di tensione e di potenza che da sempre la anima.

“Abbiamo concentrato la nostra animazione sulla bellezza e sull’interconnessione della natura – continua Katy – per ricordare al pubblico che le iniziative per il cambiamento climatico possono nascere non solo dalla paura, ma anche da una sincera gratitudine per il nostro mondo. Il semplice atto di fare più attenzione all’ambiente che ci circonda e vivere più consapevolmente i suoni, i colori e il cambiamento delle stagioni ci spinge a riconoscere che la natura ha tutto ciò di cui abbiamo bisogno e ce ne fa dono incessantemente. Preservare e avere cura di questa, che è la nostra casa, non è mai stato tanto importante e urgente. Siamo stati felicissimi di portare avanti questo concetto e ora siamo entusiasti di poter condividere la nostra animazione.”

Un tassello della Environmental Vision

Il progetto “Ad alta voce” è nato come parte del costante impegno di Epson ad agire per affrontare il cambiamento climatico, che culmina nella Environmental Vision che prevede di diventare carbon negative e di non utilizzare più materie prime vergini, entro il 2050.

Epson ambisce da tempo a raggiungere la sostenibilità e ad arricchire le comunità in molti modi, come testimonia il suo ultimo Report europeo sulla sostenibilità 2023 (SCARICA QUI IL DOCUMENTO COMPLETO). “Amplificando  le voci della generazione che avrà un ruolo chiave nel trasformare in meglio il futuro del nostro pianeta – conclude Ogawa – speriamo di riuscire a comunicare i complessi sentimenti che tutti proviamo verso la crisi climatica. Nonostante il timore e la preoccupazione che le persone avvertono, la fiducia portata avanti dalla generazione COP dimostra che c’è ancora spazio per l’ottimismo. Il nostro pianeta è un ambiente con confini certi e dobbiamo mettere in campo ogni sforzo possibile per realizzare una società più sostenibile.”

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5