Road to Cop27

COP27, l’Onu lancia l’allarme: “Metà del mondo impreparata davanti ai disastri climatici”

Lo afferma un rapporto dell’Ufficio delle Nazioni Unite per la riduzione del rischio di catastrofi e dell’Organizzazione meteorologica mondiale pubblicato in occasione della Giornata internazionale per la riduzione del rischio di catastrofi, avvenuta il 13 ottobre, e in vista della Cop27 di Sharm el Sheikh. L’analisi, che chiede l’attivazione di sistemi di allerta precoce multi-rischio, raccomanda di investire in dati avanzati e un migliore accesso alla tecnologia per un monitoraggio più efficace dei rischi, una comunicazione più rapida degli avvisi e un migliore monitoraggio dei progressi

Pubblicato il 13 Ott 2022

Metà dei paesi a livello globale non è protetta da sistemi di allerta precoce multi-rischio: lo afferma un rapporto dell’Ufficio delle Nazioni Unite per la riduzione del rischio di catastrofi (UNDRR) e dell’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO), pubblicato in occasione della Giornata internazionale per la riduzione del rischio di catastrofi, avvenuta il 13 ottobre, e in vista della Cop27 di Sharm el Sheikh (SCARICA QUI IL REPORT COMPLETO). 

Il rapporto, Global Status of Multi-Hazard Early Warning Systems – Target G, analizza nuovi dati e mostra che i paesi con una copertura di allerta precoce limitata hanno una mortalità per catastrofi otto volte superiore rispetto ai paesi con una copertura da sostanziale a completa. “Il mondo non sta investendo nella protezione delle vite e dei mezzi di sussistenza di coloro che sono in prima linea. Coloro che hanno fatto di meno per causare la crisi climatica stanno pagando il prezzo più alto”, ha affermato in un videomessaggio António Guterres, Segretario generale delle Nazioni Unite.  

Il Segretario Generale ha invitato tutti i Paesi a investire in sistemi di allerta precoce: “Si verificheranno eventi meteorologici estremi. Ma non hanno bisogno di diventare disastri mortali”. I sistemi di allerta precoce sono un mezzo collaudato per ridurre i danni alle persone e alle risorse prima di pericoli imminenti, tra cui tempeste, tsunami, siccità e ondate di caldo, solo per citarne alcuni. I sistemi di allerta precoce multi-rischio affrontano diversi pericoli che possono verificarsi da soli, contemporaneamente o a cascata.

Necessari sistemi che mirino a molteplici rischi

Molti sistemi coprono solo un tipo di pericolo, come inondazioni o cicloni. Poiché i cambiamenti climatici causano eventi meteorologici più frequenti, estremi e imprevedibili, gli investimenti in sistemi di allerta precoce mirati a molteplici rischi sono più urgenti che mai. Ciò è dovuto alla necessità di mettere in guardia non solo dall’impatto iniziale dei disastri, ma anche dagli effetti di secondo e terzo ordine. Gli esempi includono la liquefazione del suolo a seguito di un terremoto o una frana e focolai di malattie a seguito di forti piogge. Il rapporto mostra che i paesi meno sviluppati, i piccoli stati insulari in via di sviluppo e i paesi africani richiedono maggiori investimenti per aumentare la copertura di allerta precoce e proteggersi adeguatamente dai disastri.

WHITEPAPER
Dall’AI TRiSM all’Intelligent Communication: esplora i 6 nuovi IT trend del 2024
DevOps
Cloud migration

“Mentre questo rapporto veniva preparato, il Pakistan sta affrontando il peggior disastro climatico registrato, con quasi 1.700 vite perse. Nonostante questa carneficina, il bilancio delle vittime sarebbe stato molto più alto se non fosse stato per i sistemi di allerta precoce. “Preoccupantemente, questo rapporto evidenzia significative lacune nella protezione poiché solo la metà dei paesi a livello globale dispone di sistemi di allerta precoce multi-rischio. Questa è una situazione che deve cambiare urgentemente per salvare vite, mezzi di sussistenza e beni”, ha affermato Mami Mizutori, rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per la riduzione del rischio di catastrofi e capo dell’UNDRR.

“Il numero di disastri registrati è aumentato di un fattore cinque, guidato in parte dal cambiamento climatico indotto dall’uomo e da condizioni meteorologiche più estreme. Questa tendenza dovrebbe continuare. I sistemi di allerta precoce sono una misura di adattamento climatico collaudata ed efficace, che salva vite e denaro”, ha affermato Petteri Taalas, Segretario generale dell’OMM. “Ma possiamo e dobbiamo fare di meglio. Dobbiamo garantire che gli allarmi precoci raggiungano i più vulnerabili e che si traducano in azioni tempestive”, aggiungendo: “Questo è il motivo per cui l’OMM sta guidando un’iniziativa delle Nazioni Unite sugli allarmi precoci per tutti nei prossimi cinque anni”.

Investire in dati avanzati e un migliore accesso alla tecnologia

Il rapporto UNDRR e WMO fornisce raccomandazioni per ampliare e rafforzare il preallarme e l’azione tempestiva per coprire tutti i gruppi vulnerabili. Il rapporto raccomanda di investire in tutti gli elementi dei sistemi di allerta precoce, ma in particolare nella conoscenza dei rischi per pianificare meglio i sistemi di allerta precoce e nel costruire la capacità delle comunità a rischio di agire tempestivamente. Raccomanda inoltre di investire in dati avanzati e un migliore accesso alla tecnologia per un monitoraggio più efficace dei rischi, una comunicazione più rapida degli avvisi e un migliore monitoraggio dei progressi.

L’attuazione delle raccomandazioni del rapporto da parte di donatori e paesi sosterrebbe la realizzazione dell’appello del Segretario generale delle Nazioni Unite affinché ogni persona sul pianeta sia coperta da un sistema di allerta precoce nei prossimi cinque anni. Questi sforzi sosterrebbero anche il raggiungimento dell’obiettivo G del quadro di Sendai per la riduzione del rischio di catastrofi 2015-2030, un progetto globale per ridurre i rischi e le perdite globali di catastrofi, che invita i paesi ad “aumentare sostanzialmente la disponibilità e l’accesso a sistemi di allerta precoce e informazioni e valutazioni sul rischio di catastrofi per le persone entro il 2030”.

Migliorare il preallarme e l’azione tempestiva, in particolare per i paesi in via di sviluppo, è un passo fondamentale per creare un mondo con zero disastri climatici. Un piano d’azione su come aumentare la copertura globale sarà presentato dall’OMM alla COP27, la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2022, in programma a novembre a Sharm El-Sheikh, in Egitto.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Argomenti trattati

Personaggi

A
António Guterres

Aziende

O
Onu

Approfondimenti

A
Ambiente
C
Climate Change
C
COP27
R
report

Articolo 1 di 5