Inside Cop27

COP27 – DAY 10: Nasce il Piano quinquennale che sbloccherà le tecnologie climatiche in tutto il mondo

Nella Giornata della Biodiversità varato il programma 2023-2027 promosso da Technology Executive Committee e Climate Technology Center and Network, organismi del Meccanismo tecnologico ai sensi dell’UNFCCC e dell’Accordo di Parigi. Obiettivo: accelerare la diffusione di soluzioni It trasformative che sono urgentemente necessarie per affrontare il cambiamento climatico

16 Nov 2022

Nasce dai tavoli di Cop 27, nella Giornata della Biodiversità, un nuovo Programma di lavoro quinquennale per promuovere soluzioni tecnologiche per il clima in paesi in via di sviluppo. A dare l’annuncio sono stati alti funzionari di diversi governi, il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) e la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) .

In questo scenario, il Technology Executive Committee (TEC) e il Climate Technology Center and Network (CTCN) – i due organismi del Meccanismo tecnologico ai sensi dell’UNFCCC e dell’Accordo di Parigi – hanno lanciato il loro programma di lavoro comune (QUI IL DOCUMENTO PROGRAMMATICO) che mira ad accelerare la diffusione di tecnologie climatiche trasformative che sono urgentemente necessarie per affrontare il cambiamento climatico.

“Il lancio di questo programma di lavoro congiunto è un’importante opportunità per noi di intensificare rapidamente gli sforzi per implementare la tecnologia per affrontare attraverso la mitigazione e l’adattamento”, ha affermato Inger Andersen, direttore esecutivo dell’UNEP.

Piano di lavoro 2023-2027 per sbloccare le tecnologie climatiche

Il nuovo programma di lavoro congiunto del meccanismo tecnologico copre il periodo 2023-2027. Prevede attività congiunte specifiche che dovranno essere attuate dal TEC e dal CTCN, tra cui tabelle di marcia tecnologiche, lavoro su genere e tecnologia, tecnologia e NDC e digitalizzazione, e aree comuni di lavoro per i due organismi, compresi i sistemi nazionali di innovazione, industria e nesso acqua-energia-cibo.

WHITEPAPER
Mobilità sostenibile: una guida a progetti, incentivi e ruolo chiave di sharing e veicoli elettrici

“Il tempo stringe per raggiungere gli obiettivi chiave dell’Accordo di Parigi. Il rapido potenziamento e l’efficace trasferimento delle tecnologie climatiche sono indispensabili per limitare l’aumento della temperatura media globale a 1,5 gradi Celsius e costruire la resilienza ai cambiamenti climatici. È necessario un meccanismo tecnologico rinvigorito per sbloccare tecnologie climatiche appropriate in tutto il mondo, ed è ciò che questo nuovo programma di lavoro è progettato per raggiungere “,  ha affermato Simon Stiell, segretario esecutivo dell’UNFCCC.

Tecnologia cruciale per accelerare mitigazione e adattamento

Il sesto rapporto di valutazione dell’IPCC (IPCC AR6) e i contributi del gruppo di lavoro III (IPCC WG III) sulla mitigazione dei cambiamenti climatici evidenziano la tecnologia come fattore abilitante per accelerare la mitigazione e guidare soluzioni di adattamento efficaci. La valutazione evidenzia inoltre che limitare il riscaldamento globale richiederà transizioni significative nei settori e nelle aree primarie, tra cui l’energia, le città, indicando diverse aree chiave con un alto potenziale di riduzione delle emissioni come: città/aree urbane, industria, agricoltura, silvicoltura e terreni usa il cambiamento. Il programma di lavoro congiunto, in questo quadro, rappresenterà una “pietra miliare significativa” – come spiegato dai relatori – per il meccanismo tecnologico, segnando una nuova era di lavoro per la tecnologia climatica ai sensi della convenzione e dell’accordo di Parigi. Il piano sarà guidato dalla scienza, in linea con gli obiettivi a lungo termine dell’accordo di Parigi e focalizzato su settori ad alto potenziale e azioni ad alto impatto.

Contributo di 3 milioni di dollari dagli Stati Uniti

Gli Stati Uniti hanno annunciato un contributo di 3 milioni di dollari per sostenere l’attuazione del programma di lavoro congiunto. “Il meccanismo tecnologico dell’UNFCCC sta stimolando l’azione in questo decennio decisivo attraverso soluzioni tecnologiche intelligenti per la resilienza e la mitigazione del clima – ha commentato l’inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti per il clima John Kerry – . Con questo contributo, gli Stati Uniti sostengono un nuovo approccio strategico alla cooperazione in materia di tecnologia e innovazione nei paesi in via di sviluppo e adempiono a un impegno fondamentale assunto alla COP26. Gli Stati Uniti hanno contribuito a guidare lo sviluppo di questo primo programma di lavoro congiunto per il meccanismo tecnologico a sostegno del quadro tecnologico dell’accordo di Parigi. Ci impegniamo a garantire che le Parti cooperino efficacemente per accelerare l’azione alla scala e al ritmo necessari attraverso la ricerca, lo sviluppo, la dimostrazione e l’implementazione delle tecnologie climatiche”.

“Il trasferimento tecnologico è fondamentale per il successo della transizione verde globale – ha aggiunto il vicepresidente esecutivo della Commissione europea Frans Timmermans -. Che si tratti di energia, infrastrutture, mobilità o cibo: dobbiamo assicurarci che la conoscenza sia condivisa per aiutare a sviluppare la capacità industriale e sostenere i paesi in via di sviluppo per affrontare la crisi climatica. Il nuovo programma congiunto per il meccanismo tecnologico dell’UNFCCC apre nuove possibilità di innovazione e azioni mirate. La Commissione europea continuerà il suo sostegno negli anni a venire fornendo un nuovo contributo di 2 milioni di euro al Centro e alla rete per il clima e la tecnologia”.

Sostegno anche da Germania, Canada e Giappone

Il segretario di Stato parlamentare presso il ministero federale per gli affari economici e l’azione per il clima Stefan Wenzel  ha sottolineato il sostegno della Germania e ha annunciato un contributo volontario di 1,5 milioni di euro al CTCN e di 500.000 euro al TEC nel 2022: “L’implementazione rapida e accelerata delle tecnologie climatiche è un edificio molto importante blocco nell’insieme delle soluzioni per il cambiamento trasformativo necessarie per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi e del Patto per il clima di Glasgow. A tal fine, la Germania sostiene il TEC e il CTCN nell’attuazione del loro programma di lavoro congiunto e della trasformazione settoriale mirata in materia di mitigazione e adattamento. Il nuovo programma di lavoro congiunto segna un’importante pietra miliare nell’ulteriore sviluppo del meccanismo tecnologico.“

Inoltre, il governo canadese ha confermato una sovvenzione di 6 milioni di dollari canadesi al CTCN. Il ministro delle risorse naturali del Canada,  Jonathan Wilkinson, ha dichiarato: “Sebbene la tecnologia in sé non sia un piano climatico, qualsiasi approccio serio deve includere un’attenta considerazione di come sviluppare e implementare tecnologie pulite critiche. Questo nuovo programma di lavoro congiunto aiuterà i governi e altri attori di tutto il mondo a collaborare per fare proprio questo”.

In qualità di donatore di lunga data, il governo del Giappone si è impegnato a mantenere l’attuale livello di finanziamento per il CTCN. Inoltre il CTCN fa sapere di aver rafforzato la sua collaborazione con la Repubblica di Corea attraverso la recente istituzione del suo Ufficio di partenariato e collegamento a Songdo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
Ambiente
C
Climate Change
C
COP27

Articolo 1 di 5