PATHWAY TO COP28

Onu, il monito ai leader: “Senza rinnovabili non c’è futuro”

In vista della Conferenza delle Parti, Guterres invita governi e istituzioni ad agire in modo concreto sulla trasformazione energetica. E suggerisce 5 modi con cui accelerare il passaggio

Pubblicato il 03 Ott 2023

fonti-rinnovabili

La transizione verso le energie rinnovabili è la chiave per garantire la sopravvivenza dell’umanità, poiché “senza energie rinnovabili non può esserci futuro”. Lo ha affermato il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres in occasione della recente Giornata internazionale dell’aria pulita per i cieli azzurri.

Accelerare la trasformazione

Ma come accelerare la trasformazione? Ecco cinque modi suggeriti dall’Onu.

1. Spostare i sussidi energetici dai combustibili fossili alle energie rinnovabili

I sussidi ai combustibili fossili sono uno dei maggiori ostacoli finanziari che ostacolano il passaggio del mondo alle energie rinnovabili.

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha costantemente chiesto la fine di tutti i finanziamenti pubblici e privati internazionali ai combustibili fossili, uno dei principali fattori che contribuiscono al riscaldamento globale, definendo “delirante” qualsiasi nuovo investimento in essi . “Tutti gli attori devono unirsi per accelerare una transizione giusta ed equa dai combustibili fossili alle energie rinnovabili, mentre fermiamo l’espansione del petrolio e del gas, nonché i finanziamenti e le licenze per nuovo carbone, petrolio e gas”, ha affermato. Il Fondo monetario internazionale ha rivelato che solo nel 2020 sono stati spesi 5,9 trilioni di dollari per sovvenzionare l’industria dei combustibili fossili. Questa cifra include sussidi, agevolazioni fiscali e danni alla salute e all’ambiente che non sono stati inclusi nel costo iniziale dei combustibili fossili.  Sono circa 11 miliardi di dollari al giorno. Lo spostamento dei sussidi dai combustibili fossili alle energie rinnovabili porta a una riduzione del loro utilizzo e contribuisce anche alla crescita economica sostenibile, alla creazione di posti di lavoro, a una migliore salute pubblica e a una maggiore uguaglianza, in particolare per le comunità più povere e vulnerabili del mondo.

2. Triplicare gli investimenti nelle rinnovabili

Si stima che circa 4 trilioni di dollari all’anno debbano essere investiti in energie rinnovabili fino al 2030 per raggiungere  emissioni nette pari a zero entro il 2050. Zero netto è il termine che descrive il raggiungimento dell’equilibrio tra il carbonio emesso nell’atmosfera e il carbonio rimosso da essa. Gli investimenti nelle energie rinnovabili costeranno molto meno rispetto al sovvenzionamento dei combustibili fossili. La sola riduzione dell’inquinamento e dell’impatto climatico potrebbe far risparmiare al mondo fino a 4,2 trilioni di dollari all’anno entro il 2030. I finanziamenti ci sono, ma sono necessari impegno e responsabilità, in particolare da parte dei sistemi finanziari globali. Ciò include le banche multilaterali di sviluppo e altre istituzioni finanziarie, che devono allineare i loro portafogli di prestiti per accelerare la transizione alle energie rinnovabili. “Le energie rinnovabili sono l’unica strada verso una reale sicurezza energetica, prezzi stabili dell’energia e opportunità di lavoro sostenibili”, ha affermato il capo delle Nazioni Unite. Ha inoltre esortato “tutti i governi a preparare piani di transizione energetica” e ha incoraggiato “gli amministratori delegati di tutte le compagnie petrolifere e del gas a essere parte della soluzione”.

3. Rendere la tecnologia delle energie rinnovabili un bene pubblico globale

Affinché la tecnologia delle energie rinnovabili sia un bene pubblico globale, ovvero  disponibile a tutti e non solo ai ricchi, gli sforzi devono mirare a smantellare gli ostacoli alla condivisione delle conoscenze e al trasferimento di tecnologia, comprese le barriere relative ai diritti di proprietà intellettuale. Tecnologie essenziali come i sistemi di accumulo delle batterie consentono di immagazzinare e rilasciare energia proveniente da fonti rinnovabili quando le persone, le comunità e le imprese hanno bisogno di energia. Se abbinate a generatori rinnovabili, le tecnologie di stoccaggio delle batterie possono fornire elettricità affidabile ed economica a reti isolate e comunità off-grid in località remote, ad esempio in  India, TanzaniaVanuatu.

4. Migliorare l’accesso globale a componenti e materie prime

Una solida fornitura di componenti di energia rinnovabile e materie prime rappresenta un punto di svolta. È necessario un accesso più diffuso a tutti i componenti e i materiali chiave, dai minerali necessari per la costruzione di turbine eoliche e reti elettriche agli elementi per la produzione di veicoli elettrici. L’Autorità internazionale dei fondali marini delle Nazioni Unite  sta attualmente lavorando con i suoi Stati membri su come sfruttare le abbondanti risorse minerarie nelle acque internazionali, cruciali per la produzione di batterie, garantendo al tempo stesso l’efficace protezione dell’ambiente marino dagli effetti dannosi che possono derivare da fenomeni legati ai fondali marini profondi. Sarà necessario un significativo coordinamento internazionale per espandere e diversificare la capacità produttiva a livello globale. Sono necessari maggiori investimenti, anche nella formazione professionale delle persone, nella ricerca e nell’innovazione, e incentivi per costruire catene di approvvigionamento attraverso pratiche sostenibili che proteggano gli ecosistemi.

5. Creare condizioni di parità per le tecnologie legate alle energie rinnovabili

Sebbene la cooperazione e il coordinamento globali siano fondamentali, i quadri politici nazionali devono essere urgentemente riformati per semplificare e accelerare i progetti di energia rinnovabile e catalizzare gli investimenti del settore privato. Esistono tecnologia, capacità e fondi per la transizione alle energie rinnovabili, ma è necessario introdurre politiche e processi per ridurre i rischi di mercato sia per consentire che per incentivare gli investimenti, prevenendo allo stesso tempo colli di bottiglia e burocrazia. I contributi determinati a livello nazionale, o i piani d’azione individuali dei paesi per ridurre le emissioni e adattarsi agli impatti climatici, devono fissare obiettivi di energia rinnovabile in linea con l’obiettivo di limitare l’aumento delle temperature globali a 1,5°C (2,7°F) rispetto ai livelli preindustriali. Per raggiungere questo obiettivo, si stima che la quota di energie rinnovabili nella produzione globale di elettricità debba crescere dall’attuale 29% al 60% entro il 2030.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5