Mercati

Nasce EY Engineering and Technical Services: consulenza a tutto campo su infrastrutture ed energia

L’obiettivo dello spinoff di EY è quello di affiancare i propri clienti nella pianificazione, esecuzione e monitoraggio di interventi in questi ambiti, valutati di fondamentale importanza per l’economia nazionale

27 Lug 2021

Offrire una consulenza mirata, completa ed efficace in un comparto sempre più cruciale per l’economia nazionale: queste le ragioni che hanno spinto EY a dare vita a EY Engineering and Technical Services, uno spin off dedicato a infrastrutture, energia, real estate e rigenerazione urbana. Ambiti che, specialmente dopo la pandemia, sono di crescente complessità e richiedono dunque una capacità di analisi sempre più accurata e puntuale della realtà, nonchè l’integrazione di professionalità articolate.  In questo senso, oltre alla sua competenza tradizionale in ambito economico, finanziario, fiscale, legale e tecnologico, la nuova società metterà a disposizione expertise tecniche e tailor-made ulteriormente rafforzate per affiancare i propri clienti nella pianificazione, esecuzione e monitoraggio di interventi. In particolare, Infrastrutture, Rigenerazione Urbana, Recovery Fund ed Eco-Sisma Bonus saranno le tre direttrici principali attorno alle quali EY Engineering and Technical Services svilupperà la propria attività di consulenza, affiancando imprese e istituzioni nelle scelte strategiche.

A guidare la nuova società saranno due partner EY: Marco Daviddi nel ruolo di Chairman e Technical Director, Roberto Talotta in veste di Managing e Technical Director. “L’Italia grazie agli investimenti previsti nel Pnrr scommette sulla propria capacità di rinnovarsi e guardare al futuro. I dati dell’EY Attractiveness Survey evidenziano che lo stato delle infrastrutture nel nostro Paese è un freno agli investimenti, ma allo stesso tempo la fiducia nel nostro sistema infrastrutturale è in crescita. Dall’EY Infrastructure Barometer emerge che il 58% dei manager internazionali del settore prevede infatti di concludere nuove operazioni in Italia nei prossimi dodici mesi. La ripresa economica non può fare a meno di una rilevante capacità di esecuzione nel comparto delle infrastrutture e nel settore della rigenerazione urbana, guardando alla sostenibilità degli interventi dal punto di vista ambientale, economico-finanziario, tecnico, con una forte spinta all’innovazione attraverso l’adozione di soluzioni digitali, creando sempre più le condizioni per far dialogare investimenti pubblici e privati. Per questo abbiamo deciso di offrire una consulenza specializzata grazie alla nascita del EY Engineering and Technical Services”, ha commentato Daviddi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

M
Marco Daviddi
R
Roberto Talotta

Articolo 1 di 5