Best practise ESG

Data center, l’Europa premia quelli più innovativi, sostenibili e sicuri: ecco chi sono

Per facilitare il target Net zero entro il 2050, il Centro comune di ricerca della Commissione europea ha sviluppato il Codice di condotta dell’UE per i data center, iniziativa volontaria che incoraggia gli operatori e i proprietari dei data center ad adottare le migliori pratiche per la riduzione del consumo energetico. Il premio EU Code of Conduct in Data Centers valorizza i migliori esempi di attuazione di questi principi

Pubblicato il 26 Gen 2024

Immagine di Gorodenkoff da Shutterstock

I data center consumano una quantità significativa di energia, contribuendo al consumo complessivo di elettricità nell’Unione Europea: attualmente, questi impianti consumano circa 40-45 TWh , pari all’1,4-1,6% del consumo totale di elettricità nell’Ue. Tuttavia, la loro natura ad alta intensità energetica ha sollevato preoccupazioni riguardo al loro impatto ambientale, alla sostenibilità e alla sicurezza dell’approvvigionamento energetico.

Per affrontare questi problemi e adottare misure proattive per raggiungere lo scenario di emissioni nette zero entro il 2050, il Centro comune di ricerca (JRC) della Commissione europea ha sviluppato il Codice di condotta (CoC) dell’UE per i data centerQuesta iniziativa volontaria incoraggia gli operatori e i proprietari dei data center ad adottare le migliori pratiche che riducono il consumo energetico e promuovono la sostenibilità.

Misurare l’efficienza dei data center

Il CoC dell’UE per i data center utilizza l’efficacia di utilizzo dell’energia (o PUE, Power Usage Effectiveness) come parametro chiave per valutare l’efficienza complessiva di un data center. Il PUE rappresenta il rapporto tra la potenza totale in ingresso del data center e la potenza del carico IT. Più basso è il valore PUE, maggiore è l’efficienza della struttura. L’obiettivo finale è raggiungere un PUE vicino a 1.0, che indica un data center perfettamente efficiente in cui quasi tutta l’energia viene fornita alle apparecchiature IT.

WHITEPAPER
Cloud: una panoramica, tra numeri e trend di mercato
Software Defined Datacenter
Edge computing

Rendere i data center dell’UE più sostenibili

Attualmente, i data center dell’UE hanno un PUE medio di 1,6 , mentre alcuni riportano ancora valori superiori a 2,0. Monitorando regolarmente il PUE, gli operatori dei data center possono identificare le aree di inefficienza e implementare misure mirate di risparmio energetico.

Coloro che dimostrano l’effettiva adozione delle migliori pratiche CdC, portando a significative riduzioni del consumo energetico, hanno diritto ai premi annuali per il Codice di condotta dell’UE nei data center .

I vincitori del Premio

Nel 2023, i seguenti data center sono stati premiati per i risultati ottenuti tra il 2020 e il 2022:

  • Università di Grenoble Alpi per il suo data center IMAG, in Francia. Situato nel campus universitario di Saint Martin d’Hères, questo piccolo data center, racchiuso in un edificio più grande, ha raggiunto un PUE di 1,25 grazie al freecooling diretto e all’acqua di falda per produrre acqua fredda.
  • DATI4 per il suo DATA4 Milano, Italia. Grazie all’utilizzo del freecooling diretto e al contenimento dell’aria fredda, ha misurato un PUE di 1,40, nonostante il clima caldo della regione.
  • Sistemi T per i suoi data center Biere_1 e Biere_2 , in Germania, con un PUE di 1.375, attraverso l’implementazione di 87 best practice, tra cui il contenimento del corridoio freddo con flusso d’aria altamente efficiente e recupero di calore per il riscaldamento di uffici e spazi di stoccaggio.
  • Data center Atos Longbridge, Regno Unito, con un PUE di 1,16 implementando 92 best practice, tra cui raffreddamento gratuito, illuminazione CC con LED e luci attenuate al 10% per efficienza e sicurezza, attivate solo dal rilevamento del movimento. Data center di Birmingham, Regno Unito, con 107 best practice implementate, come il raffreddamento gratuito e la sostituzione delle vecchie unità UPS per aumentare l’efficienza dal 95,1% al 96,1%, con un PUE pari a 1,508. Data center Fuerth, Germania, con un PUE di 1,42, grazie a misure come l’ottimizzazione del raffreddamento degli spazi bianchi (WSCO), che prevede la regolazione intelligente (AI) della velocità della ventola del sistema di trattamento dell’aria, il freecooling e l’utilizzo del calore di scarto per il riscaldamento degli uffici, che sostituisce il tradizionale riscaldamento a gasolio con pompe di calore che utilizzano il calore CC come fonte di energia.
  • Interxion Deutschland GmbH, per i suoi data center FRA 08, FRA 10, FRA 12 e FRA 13 , Germania, dove l’implementazione di 103 best practice ha abbassato i valori PUE rispettivamente a 1,45, 1,29, 1,187 e 1,135.
  • I data center Microsoft Gavle GVX01, Sandviken GVX11 e, Svezia, registrano tutti un PUE molto basso, pari a circa 1,2, con l’implementazione di diverse best practice e il freecooling.
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5