Digital Technologies

L’importanza dell’utilizzo dei dati per affrontare la copertura degli alberi e il cambiamento climatico

The Nature Conservancy utilizza la tecnologia cloud per garantire l’accesso all’ombra degli alberi nei quartieri, indipendentemente dal reddito o dall’etnia di chi li abita

12 Mag 2022
Questa foto mostra la chiara mancanza di ombra e di copertura arborea in una strada del centro di Los Angeles.

In media, i quartieri a basso reddito hanno circa il 15% in meno di copertura arborea e sono 2,7 gradi Fahrenheit 1,5 gradi Celsius più caldi delle aree ad alto reddito. Risolvere questo problema, chiamato “equità dell’ombra“, è una lotta di giustizia sociale e ambientale per rendere l’ombra accessibile in tutti i quartieri, indipendentemente dal reddito o dall’etnia.

Oltre a offrire riparo e ridurre le malattie legate al calore, la presenza di alberi nelle città offre significativi benefici per la salute delle persone, livelli più bassi di inquinamento atmosferico, migliore funzione cardiaca e migliore salute mentale. Inoltre, gli alberi sono una delle soluzioni più convenienti e sostenibili per far fronte alla crisi climatica: uno studio della California ha rilevato che ogni dollaro speso per la piantumazione e la manutenzione di alberi nelle aree urbane, restituisce un ritorno di $ 5,82.

“Le aree urbane sono al centro della crisi climatica, perché è lì che vive l’80% della popolazione nordamericana. Se vogliamo ridurre l’impatto del cambiamento climatico, dobbiamo considerare come le nostre città affronteranno questa crisi”, ha affermato il dott. Tanushree Biswas, carbon program director at The Nature Conservancy (TNC), un’organizzazione globale per la conservazione ambientale.

La perdita degli alberi nelle città Usa

La disparità nella copertura arborea è in gran parte dovuta a una serie di politiche sostenute dalle autorità locali e federali nel corso del XX secolo. Durante i primi anni del 1900, data la crescita della popolazione e del numero di infrastrutture, è stata presa la decisione di disinvestire nei quartieri dove risiedevano le persone di colore. Con una serie di leggi durante gli anni ’30, sono state introdotte politiche di segregazione, comunemente denominate “redlining”, per dividere i quartieri residenziali e concentrare i servizi, inclusa la presenza di spazi verdi, in quelli più ricchi e bianchi. Le comunità ritenute “pericolose” o “in declino” sono rimaste senza spazi verdi e altri servizi sociali.

WHITEPAPER
Accelerare i tempi di migrazione del cloud ibrido: una guida completa

Negli ultimi anni, le città stanno perdendo circa 4 milioni di alberi ogni anno, ovvero l’1,3% del totale; le città americane spendono meno dello 0,3% dei budget municipali per la piantumazione e la manutenzione del verde pubblico e i cittadini stanno risentendo degli effetti di questo disinvestimento: “Non abbiamo molti alberi. Da bambino, me ne ricordavo molti di più, non so cosa sia successo: sono morti o a gente li ha abbattuti, ma è simile al deserto. È un deserto di alberi”, ha affermato Joe Ward-Wallace, co-fondatore di South LA Cafe e South LA Market nel centro sud di Los Angeles. “Abbiamo bisogno di alberi qui, fa caldo. Il quartiere ha un aspetto migliore quando ci sono piante intorno, oltre a far sentire meglio le persone”.

I benefici della copertura arborea

Numerosi studi mostrano l’esistenza di una relazione tra copertura arborea e temperatura locale nelle aree urbane. Nonostante ciò, ci sono meno studi sulla fattibilità logistica per mitigare il calore urbano attraverso l’aumento della copertura arborea e su come affrontare le disparità negli spazi verdi urbani. Per colmare questa lacuna, TNC utilizza l’analisi dati e le soluzioni di Amazon Web Services (AWS). Il TNC utilizza i dati provenienti da una varietà di fonti, comprese le misurazioni satellitari della copertura arborea, le aree piantabili disponibili nelle città, le temperature della superficie terrestre e le variabili socioeconomiche (come le stime demografico-economiche di gruppi di blocchi), per comprendere la fattibilità di progetti di piantumazione.

Per esempio, TNC ha condotto uno studio su come utilizzare i percorsi naturalistici della California per affrontare la crisi climatica, dimostrando che, nelle zone urbane della California sono 1,2 milioni gli acri disponibili per l’imboschimento urbano. Inoltre, sarebbe possibile ridurre le emissioni di gas serra piantando alberi su 500.000 acri disponibili in aree svantaggiate e a basso reddito. Una valutazione successiva ha mostrato che le città della California hanno spazio disponibile per altri 34 milioni di alberi. Inoltre, lo studio ha identificato le zone in cui è possibile piantare alberi e il loro impatto sulla temperatura e sulle isole di calore urbane.

Secondo un recente studio, la realizzazione di questo progetto ridurrebbe la temperatura media della superficie terrestre urbana e fornirebbe molteplici vantaggi collaterali per un totale di 1,1 miliardi di dollari all’anno, inclusa la diminuzione di visite mediche causate dal calore (più di 4.000 in 10 anni) e la riduzione annuale di 4,5 milioni di tonnellate di CO2. Utilizzando i programmi di TNC, in California un investimento annuale di 467 milioni di dollari per l’imboschimento urbano, porterebbe a 712 milioni di dollari di benefici annuali netti, arrivando a servire l’89% dei circa 9 milioni di residenti nei quartili a reddito più basso.

Come possono essere utilizzati i dati

I dati e le ricerca geospaziale sono ancora più potenti quando vengono raccontati come se fossero una storia: Esri ArcGIS StoryMaps, uno strumento basato su AWS che combina testo, video, grafici e visualizzazioni geospaziali interattive avanzate, fa proprio questo. TNC utilizza questo strumento per condividere le proprie ricerche con le organizzazioni no profit locali e le agenzie governative in varie città. I dati archiviati in Amazon Simple Storage Service (Amazon S3), in Enterprise GeoDatabase e in Amazon Aurora possono essere analizzati e inseriti in StoryMaps per mostrare come una città cambia nel tempo. L’utilizzo degli strumenti avanzati di Esri ArcGIS Server e Image Server in esecuzione su Amazon Elastic Compute Cloud (Amazon EC2) rende veloce ed efficiente l’analisi e l’integrazione dei dati in StoryMaps. Oltre a visualizzare i dati geospaziali, StoryMaps li organizza concentrandosi sui punti cruciali con illustrazioni complesse e in tempo reale.

Una volta che i dati sono stati tradotti in una StoryMap, il TNC la condivide con i legislatori, i responsabili politici e le parti interessate. Ad esempio, l’intero report del percorso Natural Climate Solutions (NCS) per la California è disponibile come StoryMap. Fornisce un facile accesso a mappe e dati e contribuisce a un’interfaccia utente interattiva che mostra le possibili opportunità per un intervento multisettoriale. Inoltre, il TNC può mostrare come l’imboschimento urbano si allinei con altri percorsi di mitigazione del clima. Ciò facilita ulteriormente le conversazioni con i responsabili politici, le agenzie statali e le parti interessate.

Dopo il completamento del rapporto sul percorso NCS, il TNC ha utilizzato le StoryMap per progettare una serie di tavole rotonde con organizzazioni locali in tutta la California, promuovendo un approccio dal basso che ha evidenziato le barriere e le sfide dell’implementazione di soluzioni basate sull’ambiente. Il TNC ha riunito persone del settore urbano, forestale e dell’agricoltura per identificare gli ostacoli e le soluzioni naturali per risolvere cambiamenti climatici e ha anche intrapreso un roadshow per parlare con agenzie statali e mostrare le potenziali opportunità per mitigare il cambiamento climatico utilizzando la natura in tutta la California.

“L’ambiente è il nostro miglior alleato nella risoluzione dei cambiamenti climatici”, ha affermato Biswas. “StoryMaps ci aiuta a costruire un ponte tra la comunicazione della scienza in azione e l’implementazione di esempi di successo locali su scala”.

La mappa mostra la copertura della chioma arborea a livello del tratto censuario in relazione alle aree contrassegnate in rosso di Los Angeles. I luoghi delineati in giallo e rosso rappresentano aree ritenute dal governo rispettivamente come comunità “decisamente in declino” e “pericolose”. Queste regioni hanno subito un disinvestimento estremo, il che significava che manca il sostegno finanziario da parte dei governi e delle istituzioni finanziarie per investire nel benessere di queste comunità. Di conseguenza, queste comunità hanno una mancanza di copertura arborea, come rappresentato dalla combinazione di colori più chiari.

La mappa ha censito la chioma degli alberi a Los Angeles e l’ha messa in relazione alle aree in declino, contrassegnate in rosso. Come parte della direttiva Green New Deal, la città e il sindaco Eric Garcetti hanno l’obiettivo di garantire un accesso equo al verde pubblico in tutti i quartieri della città. Uno dei principi chiave è garantire giustizia ed equità ambientale aumentando la chioma degli alberi del 50% nelle aree di maggior bisogno entro il 2028.

Per raggiungere questo obiettivo, City Plants, un’organizzazione con sede a Los Angeles, collabora con gli scienziati del TNC per studiare gli impatti di queste attività. Insieme, mirano a far crescere un futuro più verde coinvolgendo i cittadini a piantare e prendersi cura degli alberi in tutta la città. L’organizzazione utilizza la scienza, la ricerca, gli strumenti, la tecnologia AWS e le StoryMaps di TNC per contribuire a realizzare una strategia di piantumazione equa.

Questa foto mostra la chiara mancanza di ombra e di copertura arborea in una strada del centro di Los Angeles.

“Mi piace vedere come la scienza e le informazioni disponibili aiutino a prendere decisioni sul campo. City Plants non è solo in questo viaggio, ma possiamo prendere il lavoro svolto da TNC per definire le strategie da seguire qui a Los Angeles “, ha affermato Rachel O’Leary, executive director di City Plants. “Di fronte a idee e problemi enormi e spaventosi come il cambiamento climatico, vedo la piantumazione di alberi offrono un’opportunità per coltivare soluzioni insieme”.

Il ruolo di AWS

I servizi cloud AWS sono stati fondamentali per consentire al TNC di archiviare dati, condurre ricerche e creare visualizzazioni utilizzabili per compiere la propria missione. L’identificazione dello spazio per la piantumazione di alberi aggiuntivi è solo un passaggio iniziale. Sapere dove è possibile aumentare la copertura arborea e ridurre la disparità di ombra è un passo importante, ma sono necessari meccanismi di finanziamento molto più ampi e sostenibili. Dobbiamo anche garantire il mantenimento del verde urbano e allargare gli sforzi al di là delle singole città. “Dobbiamo ridurre la temperatura globale, il che significa che dobbiamo lavorare su qualcosa di grande. Dobbiamo davvero farlo tutti insieme”, ha detto Biswas. “Dobbiamo pensare a quali sono le lezioni che i nostri partner hanno imparato qui che possono essere applicate ad altre città. Questo è il potere del cloud computing: lo scambio di conoscenze umane”.

* Testo a cura di Amazon Web Services.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

A
AWS

Approfondimenti

C
Cloud
C
CO2
S
sostenibilità

Articolo 1 di 5