Mobilità sostenibile

La tecnologia di Dassault Systèmes trasforma in realtà la mobilità sostenibile

Facendo leva su soluzioni tecnologiche all’avanguardia, Dassault Systèmes supporta gli innovatori per trasformare in realtà la loro visione di una mobilità orientata al futuro e sostenibile. Ne è un esempio l’azienda italiana I-FEVS, che ha ideato e realizzato un nuovo tipo di e-bike più ergonomica e sicura sfruttando la tecnologia di Dassault Systèmes

22 Set 2022

Oggi più che mai si presta una maggiore attenzione al tema della mobilità. L’aumento dei prezzi dell’energia e gli effetti negativi dell’impatto ambientale stanno portando ad un ripensamento, sia tra la popolazione alla ricerca di modelli di mobilità alternativa e contemporanea, sia nel mondo industriale che chiede soluzioni in grado di migliorare la logistica e la pianificazione dei percorsi. Al di là del trasporto pubblico convenzionale, oggi anche le nuove tecnologie stanno venendo alla ribalta per aprire la strada ad un modello di trasporto più eterogeneo che comprende mezzi elettrici e di micro-mobilità. In questo scenario, Dassault Systèmes facendo leva su soluzioni tecnologiche all’avanguardia, supporta gli innovatori per trasformare in realtà la loro visione di una mobilità orientata al futuro e sostenibile. Ne è un esempio l’azienda italiana I-FEVS, che ha ideato e realizzato un nuovo tipo di e-bike più ergonomica e sicura sfruttando la tecnologia di Dassault Systèmes.

Mezzi sostenibili e sicuri: l’eBike di I-FEVS

Con un occhio di riguardo alla sostenibilità, Dassault Systèmes supporta diversi aspetti della mobilità: dalla pianificazione di itinerari più efficienti ed ecologici, ai nuovi concetti di aviazione, alle integrazioni ai servizi di trasporto pubblico esistenti e molto altro. Tra questi, Dassault ha contribuito alla mission dell’azienda italiana I-FEVS, società di ricerca e sviluppo di veicoli elettrici, di rendere la mobilità elettrica accessibile e mainstream.

WHITEPAPER
Intelligent enterprise: dall’azienda estesa alla filiera integrata e collaborativa
IoT
Manifatturiero/Produzione

L’utilizzo della piattaforma 3DEXPERIENCE Cloud di Dassault Systèmes ha supportato l’obiettivo della PMI italiana, che ha deciso di creare un nuovo tipo di e-bike più ergonomica e sicura per incentivarne l’utilizzo, consentendole di semplificare i processi di progettazione e ingegnerizzazione, riunendo così tutte le discipline in un unico ambiente e gestendo l’intero ciclo di vita dello sviluppo del prodotto con un’unica soluzione.

dassault systèmes mobilità sostenibile

Il passaggio da CATIA V5 alla piattaforma 3DEXPERIENCE ha migliorato in modo significativo la collaborazione, mentre il cloud ha dimostrato solide funzionalità di sicurezza e il pieno controllo dei dati da parte di I-FEVS. Ma le ambizioni di I-FEVS vanno oltre il cambiamento del modo in cui le persone viaggiano: attraverso la collaborazione con Dassault Systèmes, l’azienda sta lavorando per creare una replica perfetta della bici fisica nel mondo virtuale per gestire la manutenzione continua.

Dalla mobilità per un futuro più sostenibile

L’esempio di I-FEVS mostra chiaramente come le soluzioni alternative possano essere sviluppate e implementate in modo veloce ed efficiente anche grazie a partner come Dassault Systèmes che si è posta l’obiettivo di applicare le proprie tecnologie più avanzate dove queste risultano urgentemente necessarie: negli ambiti della protezione del clima e della sostenibilità. Questo è anche ben radicato nella missione aziendale di Dassault Systèmes, che persegue l’obiettivo di armonizzare natura, persone e prodotti.

Le soluzioni specializzate dell’azienda supportano le startup nel trasformare velocemente le loro idee in realtà, in un’ottica di rispetto delle risorse. In questo modo, Dassault Systèmes dà un prezioso contributo alla riduzione delle emissioni e al consumo delle materie prime, aprendo la strada ad un futuro più sostenibile, a partire dalla mobilità sostenibile a cui è dedicata la Giornata Mondiale Senza Auto che si celebra oggi 22 settembre.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5