L'indagine

Dall’AI un supporto verso un nuovo modo di lavorare, ma servono competenze

Secondo la terza edizione del Work Trend Index di Microsoft, l’intelligenza artificiale può aiutare aziende e lavoratori a ricevere un impulso alla creatività, aumentando la produttività e favorendo la creazione di valore. Ma ci sono 3 tendenze chiave che è bene tenere presenti per integrare la nuova tecnologia in azienda in modo sano

Pubblicato il 11 Mag 2023

Schermata 2023-05-11 alle 16.38.47

L’integrazione dell’AI all’interno dei più popolari strumenti di produttività può contribuire a semplificare e rendere più agili le attività nelle aziende, spesso appesantiti da una mole di informazioni e dati che espongono i professionisti alla fatica di dover distinguere gli insight rilevanti dal rumore di sottofondo, togliendo tempo ed energie al flusso creativo.

Lo rivelano i dati della terza edizione del Work Trend Index “Will AI fix work?” (SCARICA QUI IL DOCUMENTO COMPLETO) di Microsoft,  studio che intende dimostrare le opportunità che l’avvento delle nuove piattaforme di Intelligenza Artificiale possono aprire per il mondo del lavoro. In particolare, i dati del nuovo report di Microsoft dimostrano il ruolo di supporto dell’AI per aziende e lavoratori in grado di dare un impulso alla creatività, aumentare la produttività e favorire la creazione di valore.

“Questa nuova generazione di Intelligenza Artificiale eliminerà monotonia del lavoro e libererà la creatività”, ha dichiarato Satya Nadella, presidente e CEO di Microsoft. “C’è un’enorme opportunità affinché gli strumenti basati sull’AI siano in grado di contribuire ad alleviare il cosiddetto “debito digitale”, costruire un’attitudine positiva verso l’AI e abilitare i dipendenti”.

Tre tendenze chiave da conoscere per integrare l’AI in azienda

Il nuovo studio annuale di Microsoft integra le risposte di 31.000 persone intervistate in 31 Paesi, tra cui l’Italia, con i trilioni di segnali di produttività provenienti da Microsoft 365 e le tendenze evidenziate dal LinkedIn Economic Graph. I dati evidenziano tre tendenze chiave che i leader aziendali devono conoscere per adottare e integrare l’AI in modo rapido e responsabile.

1. Il peso del “debito digitale” a scapito dell’innovazione

Il cosiddetto debito digitale sta avendo un impatto su molti lavoratori: l’afflusso di dati, e-mail, riunioni e notifiche che riceviamo ogni giorno ha superato la capacità dell’uomo di processarli e smaltirli tutti, accelerando il ritmo del lavoro.

A livello globale, il 64% delle persone dichiara di avere difficoltà a trovare il tempo e l’energia necessari per svolgere il proprio lavoro: queste stesse persone sono 3,5 volte più soggette ad avere difficoltà con l’innovazione e il pensiero strategico. Se però i dati globali riferiscono che quasi 2 leader su 3 (60%) si dichiarano preoccupati per la mancanza di innovazione o di idee innovative nei loro team, a livello italiano la situazione sembra creare meno pensieri, con solo il 42% dei leader intervistati che esprime apprensione per l’assenza di pensiero creativo. È comunque evidente che, in un mondo in cui la creatività assume un ruolo sempre più cruciale e strategico, il debito digitale potrebbe già presentare i propri effetti negativi sul business.

Osservando più da vicino come i dipendenti impiegano la loro giornata lavorativa, emerge che il 68% delle persone a livello globale dichiara di non avere abbastanza tempo per concentrarsi durante la giornata lavorativa, mentre il 62% degli intervistati afferma di dover dedicare troppo tempo alla ricerca di informazioni. I dati tratti dalle soluzioni di Microsoft 365 sono ancora più eloquenti, evidenziando che il dipendente medio passa il 57% del tempo a comunicare attraverso riunioni, e-mail e chat, mentre solo il 43% a creare, dedicandosi quindi alla produzione di documenti, fogli di calcolo e presentazioni.

2. C’è una nuova alleanza tra AI e dipendenti

Nonostante la diffusa preoccupazione per la sostituzione dei posti di lavoro da parte dell’AI, i dati rivelano degli insight inaspettati: se il 42% degli Italiani – dato più basso rispetto al 49% globale – dichiara di temere che l’AI sostituisca il proprio lavoro, il 62% afferma di voler delegare più lavoro possibile all’AI per ridurre il proprio carico. Tra i task che gli Italiani demanderebbero volentieri all’AI compaiono le attività amministrative (67%) e quelle di analisi (68%), insieme a qualche compito più creativo (55%).

I dati del report dimostrano che in Italia il 27% dei leader aziendali sarebbe disposto ad utilizzare gli strumenti di AI per supportare la propria forza lavoro, invece di sostituirla. La riduzione dell’organico è infatti l’ultimo punto della lista di ciò che i leader apprezzerebbero dall’AI, votato solo dal 12% dei rispondenti. I manager sperano infatti che l’AI possa aiutare i propri dipendenti a svolgere compiti necessari ma ripetitivi, aumentando il benessere dei lavoratori, riducendo il tempo trascorso in attività di scarso valore e accelerando il ritmo di lavoro dei dipendenti.

3. Ogni dipendente deve avere una predisposizione all’AI

Il cambio di paradigma verso l’AI come copilota delle attività delle persone richiede un modo completamente nuovo di lavorare e una nuova attitudine verso l’AI. I leader intervistati hanno dichiarato che è essenziale che i dipendenti imparino a capire come e quando sfruttare l’AI, impostando comandi corretti per utilizzarla, valutando il lavoro creativo prodotto e controllando che non ci siano pregiudizi. Nel nuovo panorama lavorativo la collaborazione tra uomo e AI sarà il prossimo modello di lavoro trasformativo e la capacità di lavorare frequentemente con l’AI sarà una competenza chiave per ogni dipendente.

In questo scenario diventa fondamentale la fase di apprendimento e formazione: oggi in Italia il 47% delle persone dichiara di non disporre delle capacità giuste per portare a termine il proprio lavoro. Sarà dunque compito delle aziende formare la propria forza lavoro per poter sfruttare le nuove opportunità abilitate dall’AI per avere successo.

Ora è il momento di dotarsi di queste competenze: il numero di post su LinkedIn che parlano di argomenti come l’AI generativa e GPT oggi è 33 volte superiore rispetto a quello di un anno fa. Anche in Italia i leader aziendali sembrano essere consapevoli di questa nuova richiesta del mercato, tanto che il 74% di loro afferma che i dipendenti avranno bisogno di nuove competenze per essere preparati alla crescita dell’AI.

Al via Microsoft 365 Copilot Early Access Program

Per accompagnare le aziende nell’era dell’Intelligenza Artificiale, Microsoft annuncia l’introduzione di Microsoft 365 Copilot Early Access Program, per consentire a 600 grandi aziende in tutto il mondo di accedere solo su invito e in anteprima al programma a pagamento. Inoltre, le seguenti nuove funzionalità saranno aggiunte a Microsoft 365 Copilot e Microsoft Viva:

  • Copilot in Whiteboard renderà più creative ed efficaci le riunioni e i brainstorming in Microsoft Teams. Utilizzando il linguaggio naturale, sarà possibile chiedere a Copilot di generare idee, organizzare le idee in temi, creare progetti che diano vita alle idee e riassumere i contenuti della Whiteboard;
  • Integrazione di DALL-E, il generatore di immagini di OpenAI, in Copilot in PowerPoint: gli utenti potranno chiedere a Copilot di creare immagini personalizzate a supporto dei loro contenuti;
  • Copilot in Outlook offrirà suggerimenti e consigli su tono e sentiment per aiutare gli utenti a scrivere e-mail più efficaci e comunicare con maggiore sicurezza;
  • Copilot in OneNote utilizzerà suggerimenti per redigere piani, generare idee, creare elenchi e organizzare le informazioni per aiutare i clienti a trovare facilmente ciò di cui hanno bisogno;
  • Copilot in Viva Learning utilizzerà un’interfaccia di chat in linguaggio naturale per aiutare gli utenti a creare un percorso di apprendimento personalizzato, compresa la progettazione di percorsi di aggiornamento, scoprire le risorse di apprendimento rilevanti e programmare il tempo per le formazioni assegnate.

Infine, per aiutare tutti i clienti a sfruttare la potenza dell’Intelligenza Artificiale, Microsoft introduce anche l’Indice semantico per Copilot, una nuova funzionalità disponibile a breve per i clienti Microsoft 365 E3 ed E5.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5