Verso Net Zero

Climate Tech: partnership tra Primo Ventures e LifeGate per promuovere l’innovazione

Vincere la sfida del cambiamento climatico richiederà ingenti investimenti in ricerca e startup. Da uno studio effettuato dall’Agenzia Internazionale dell’Energia emerge che oltre il 45% delle tecnologie che verranno applicate per raggiungere la sfida della neutralità carbonica al 2050 sono oggi sotto forma di startup, spin-off accademici e ricerca di base

Pubblicato il 19 Mag 2023

Primo Ventures SGR, Società di Gestione del Risparmio indipendente specializzata in investimenti tecnologici, e LifeGate, Società Benefit considerata il punto di riferimento della sostenibilità in Italia, annunciano una partnership strategica per l’analisi di trend e investimenti nel settore climatico.

La partnership è volta ad analizzare le dinamiche di questo settore emergente per individuare trend, spazi di opportunità e possibili attività congiunte che possano contribuire alla crescita del settore climate tech soprattutto nell’accelerare lo sviluppo di tecnologie abilitanti a raggiungere l’obiettivo della piena sostenibilità. LifeGate e Primo Ventures intendono inoltre sviluppare modelli di analisi, tracciamento e benchmarking degli investimenti sotto il profilo dei criteri ESG e di impatto delle nuove tecnologie sulla decarbonizzazione.

Verso Net Zero entro il 2050

Vincere la sfida del cambiamento climatico richiederà investimenti in molteplici ambiti, tra cui uno assolutamente centrale: quello dello sviluppo di nuove tecnologie. Nell’ultimo decennio sono stati investiti a livello globale, ogni anno, dai 3 ai 5 trilioni di dollari, ma si stima che nei prossimi venticinque anni gli investimenti per mitigare gli effetti del cambiamento climatico cresceranno esponenzialmente fino a raggiungere i 100 triliardi di dollari.

LIVE STREAMING 20 marzo
Industry4.0 360SummIT: l'innovazione come leva contro l'incertezza. Ti aspettiamo online!

L’innovazione nelle tecnologie per l’energia pulita deve accelerare per raggiungere lo scenario di neutralità carbonica (Net Zero Emissions) entro il 2050. Mentre l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 del 55% entro il 2030 può essere raggiunto con le tecnologie esistenti, il percorso di azzeramento delle emissioni al 2050 si basa su tecnologie che non sono ancora mature o comunque non sono ancora commercializzate su ampia scala. Questo vale in particolare nei settori difficili da decarbonizzare come l’industria pesante e i trasporti a lunga distanza.

“La sfida del climate change richiederà uno sforzo tecnologico e finanziario senza precedenti nella storia dell’umanità” – ha dichiarato Gianluca Dettori, Presidente di Primo Ventures – “Siamo onorati di poter collaborare con un partner scientifico e così concentrato da molti anni su questo problema come LifeGate, che da molti anni analizza e sviluppa questo settore proponendo soluzioni concrete”.

Climate Tech: crescono gli investimenti

Da uno studio dell’Agenzia Internazionale dell’Energia emerge che circa la metà delle tecnologie necessarie per raggiungere gli obiettivi 2050 si trova ancora in fase di startup, sotto forma di prototipo nei laboratori di ricerca o di impianto dimostrativo. Diventa quindi fondamentale analizzare un mercato emergente, che sta rapidamente rivoluzionando la nostra risposta al cambiamento climatico. Il Climate Tech a oggi rappresenta il 16% degli investimenti complessivi in Venture Capital in Europa, il 10% nel resto del mondo, ma le proiezioni suggeriscono che questa percentuale sia destinata a crescere in maniera significativa nel prossimo decennio.

“Nel mondo, nel 2022, per ogni quattro dollari di venture capital investiti più di un dollaro è stato destinato a tecnologie di contrasto al cambiamento climatico. Si tratta di circa 50 miliardi di dollari, una somma cresciuta di 24 volte in 10 anni che rivoluzionerà il panorama – spiega Simone Molteni, direttore scientifico di LifeGate – ma in nessun modo questa notizia deve essere letta come un invito a rinviare la transizione ecologica in attesa di nuove tecnologie. Quello che serve oggi è già disponibile e si deve agire subito per raggiungere il primo traguardo al 2030. Di tempo ne è già stato perso abbastanza”.

“Il risparmio sostenibile è l’ultimo tassello di uno stile di vita etico, insieme alla mobilità, all’alimentazione, all’energia. Ma forse è il tassello più importante perché può davvero cambiare le cose. Bisogna dare alle persone la possibilità di scegliere dove investire i propri risparmi per spostare la bilancia del pianeta verso un futuro migliore e più sostenibile”, dichiara Enea Roveda, CEO di LifeGate.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5