Innovazione sostenibile

Premio europeo Giovani inventori: annunciati i 3 finalisti

L’Ufficio Europeo dei Brevetti ha reso noti i tre nominati per i principali premi europei per l’innovazione, che riconosce gli innovatori under 30 che contribuiscono agli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. I tre candidati sono stati scelti per il loro lavoro di pulizia degli oceani, accesso all’istruzione e protezione degli ecosistemi vulnerabili

Pubblicato il 23 Mag 2023

L’Ufficio europeo dei brevetti (EPO) ha annunciato i tre finalisti del Premio inventore europeo 2023. I candidati sono in lizza per il Premio per i giovani inventori, che riconosce i giovani inventori che hanno seguito le loro passioni per contribuire ad affrontare i problemi globali e a raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDGs) attraverso innovazioni scientifiche e tecnologiche.

L’annuncio segue la rivelazione dei dodici finalisti nelle categorie “Industria”, “Ricerca”, “PMI” e “Paesi non appartenenti all’Ue”, che hanno diritto al Premio popolare, votato dal pubblico prima della cerimonia. Il vincitore del Premio alla carriera sarà svelato il 20 giugno.

Per sviluppare la visione del Premio europeo per l’inventore di celebrare l’innovazione in tutti i settori e paesi, l’EPO ha istituito il Premio per i giovani inventori nel 2021 per ispirare la prossima generazione di inventori. A differenza delle categorie tradizionali del Premio europeo dell’inventore, i finalisti del Premio giovani inventori devono avere un’età non superiore ai 30 anni, non devono avere un brevetto europeo per essere presi in considerazione e riceveranno una ricompensa economica. “Questi tre inventori fanno parte di una nuova generazione che sta affrontando sfide incalcolabili e il loro lavoro è fonte di ispirazione per tutti noi. L’anno scorso abbiamo lanciato il Premio per i giovani inventori per aiutare questa ispirazione a raggiungere molte più persone e avvicinarci alla realizzazione di un mondo più sostenibile”, ha dichiarato il Presidente dell’EPO António Campinos.

I finalisti dell’edizione 2023

Una giuria indipendente di colleghi inventori, tutti ex vincitori del Premio, ha scelto tutti i finalisti di quest’anno tra oltre 600 candidature. Il primo, il secondo e il terzo posto dell’edizione 2023 del Premio per giovani inventori saranno annunciati nel corso di una cerimonia ibrida che si terrà il 4 luglio a Valencia (Spagna) insieme ai vincitori delle altre categorie del Premio europeo per inventori.

Quest’anno i candidati al Premio per giovani inventori rappresentano tre Paesi: Irlanda, Portogallo e Kenya. Il loro impegno nella realizzazione di invenzioni che hanno effetti profondi sulla comunità locale e internazionale sarà celebrato nel corso della cerimonia.

Pulizia degli oceani dalle microplastiche

Fionn Ferreira, inventore irlandese di 22 anni, ha sempre sentito un profondo impegno per la protezione dell’ambiente e la lotta all’inquinamento da plastica. La sua passione per la conservazione degli oceani lo ha portato a sviluppare una soluzione per la rimozione delle microplastiche dalle fonti d’acqua. Durante gli studi per il master in chimica presso l’Università di Groningen, nei Paesi Bassi. Ferreira ha sviluppato una soluzione liquida magnetica unica per eliminare le microplastiche dall’acqua. Legandosi alle particelle di microplastica, questo liquido, noto come ferrofluido, ne permette la separazione dalle fonti d’acqua, aprendo la strada alla loro rimozione e aiutando a combattere una delle sfide ecologiche più pressanti del mondo. L’invenzione di Ferreira contribuisce all’SDG 6 delle Nazioni Unite: Acqua pulita e servizi igienici, in quanto sostiene la gestione sostenibile delle risorse idriche, delle acque reflue e degli ecosistemi.

Apprendimento digitale per bimbi ipovedenti

Filipa de Sousa Rocha, ingegnere informatico e ricercatrice portoghese di 27 anni, si dedica al miglioramento dell’apprendimento digitale per i bambini ipovedenti. Durante i suoi studi di master ha sviluppato un approccio inventivo utilizzando blocchi con icone 3D per insegnare l’alfabetizzazione digitale. Le icone permettono ai bambini di inviare comandi a un robot utilizzando movimenti direzionali o funzioni vocali simili a quelle di un gioco per computer drag-and-drop. La creazione di De Sousa Rocha, denominata “Block-based Accessible Tangible Programming Systems” (BATS), ha aperto nuove opportunità di apprendimento inclusivo. Il lavoro di De Sousa Rocha per migliorare l’accesso all’istruzione contribuisce all‘SDG 4 delle Nazioni Unite: Istruzione di qualità e all‘SDG 10 delle Nazioni Unite: Riduzione delle disuguaglianze.

Protezione dell’ecosistema ambientale

Richard Turere è un inventore Masai di 22 anni, originario del Kenya, fortemente interessato/dedicato a proteggere il bestiame senza mettere in pericolo la popolazione locale di leoni. Per affrontare questo problema, ha sviluppato Lion Lights, un sistema che utilizza sequenze di luci per dissuadere i leoni e altri predatori dall’avvicinarsi al bestiame. Continua a migliorare la sua invenzione, rendendola più efficiente grazie all’automazione, tanto che ora il sistema funziona anche con energia rinnovabile. Oltre 2.000 case in Kenya utilizzano oggi Lion Lights, riducendo il numero di leoni uccisi per proteggere il bestiame. Il sistema è stato adottato con successo in diversi Paesi africani, oltre che in India e in America Latina, per scoraggiare varie altre specie animali. L’invenzione di Turere contribuisce all’SDG 15 delle Nazioni Unite: Life on Land, che prevede la protezione, il ripristino e la promozione dell’uso sostenibile degli ecosistemi terrestri.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5