RANKING

Emissioni, Minimum tra i leader d’innovazione di Fast Company



Indirizzo copiato

La piattaforma guadagna il riconoscimento grazie alle tecnologie per il monitoraggio della Co2 a disposizione delle grandi aziende, in grado di soddisfare i più avanzati requisiti di reporting e mettere a punto efficaci strategie di decarbonizzazione

Pubblicato il 2 apr 2024



minimum

Minimum conquista la prima posizione nella categoria Data Science 2024 della classifica di Fast Company dedicata alle società più innovative: si tratta di una piattaforma di dati sulle emissioni aziendali, che fornisce alle aziende dati sulla sostenibilità per raggiungere i propri obiettivi di sostenibilità e decarbonizzazione.

La storia di Minimum

La fondazione di Minimum risale al 2020, a opera di Freddie Evans, Chris Winchurch e Freddie Green: i primi due oggi ricoprono la carica di Co-ceo, mentre green è il coo. La tecnologia alla base di Minimum consente alle aziende di migliorare in modo incrementale la qualità dei propri dati di sostenibilità, aiutandole nel percorso pluriennale che va dal semplice adempimento dei requisiti di divulgazione alla creazione di una capacità aziendale di produrre informazioni aggiornate, approfondite, granulari e completamente verificabili grazie a un software personalizzabile oggi adottato, ad esempio, da Gymshark, Matterport, UK Power Networks e Octopus Group.

Un’istantanea sull’economia dell’innovazione

“La nostra lista delle aziende più innovative è uno sguardo completo sull’economia dell’innovazione e un’istantanea delle tendenze aziendali che hanno caratterizzato l’anno – spiega Brendan Vaughan, caporedattore di Fast Company – Nel 2023 abbiamo assistito a innovazioni straordinarie in tutti i settori, ma anche a una serie di modelli chiari: la crescente impronta e l’impatto dell’intelligenza artificiale, il ritorno trionfale degli eventi dal vivo e i grandi passi avanti nella tecnologia del clima. Ci troviamo di fronte a sfide impegnative su molti fronti, ma le soluzioni che celebriamo nel MIC mi fanno ben sperare per il futuro”.

Le norme internazionali sulla divulgazione verso il net zero

Una piattaforma come Minimum può riverlarsi particolarmente utile in un momento storico come quello attuale in cui i requisiti di divulgazione sul clima sono sempre più stringenti, a partire da quelli dell’Unione europea del Csrd, in vigore da gennaio 2024, o dalla normativa californiana sulla divulgazione sul clima che entrerà in vigore nel 2026. Si tratta di adempimenti che mettono una pressione crescente sulle aziende nel loro percorso verso l’obiettivo net-zero

Il ruolo delle grandi aziende nella crisi climatica

“Siamo onorati di annunciare che Minimum è stata inclusa nella lista delle aziende più innovative di Fast Company di quest’anno – afferma Chris Winchurch – Questo premio riflette l’investimento che abbiamo fatto nella costruzione di un’infrastruttura di dati sulla sostenibilità in grado di fornire realmente la qualità dei dati di cui le grandi aziende hanno bisogno per prendere decisioni efficaci, fare report con fiducia e, in ultima analisi, raggiungere i loro obiettivi e impegni di sostenibilità su scala”.

“La crisi climatica è una delle questioni più urgenti del nostro tempo, se non la più urgente – aggiunge Philippe Pernstich, founding footprinting lead di Minimum – Le grandi aziende svolgono un ruolo fondamentale nella soluzione del problema, allineando la propria attività a una traiettoria a zero emissioni, un cambiamento sempre più richiesto da una legislazione in crescita. Una barriera fondamentale che rimane, tuttavia, è la mancanza di dati adeguati necessari per monitorare i progressi verso gli obiettivi di riduzione – conclude – Minimum mira a fornire alle aziende dati che possano aiutarle ad adottare misure reali ed efficaci per ridurre il loro contributo alle emissioni globali”.

Articoli correlati

Articolo 1 di 5