Progetti

Città europee circolari: nel Report finale anche due progetti ENEA

Al centro dell’attenzione l’iniziativa “Energia e Sostenibilità per la Pubblica Amministrazione”, che mira a rafforzare la capacità tecnica ed amministrativa della PA nei programmi di investimento energetico-ambientale pubblico, e RECiProCo, che punta a realizzare strumenti e iniziative di economia circolare a vantaggio dei consumatori

Pubblicato il 29 Mar 2023

Fornire una visione comune e condivisa di ‘città circolare’ per accelerare la transizione ecologica ed energetica: sono questi gli  obiettivi dei due progetti ENEA ES-PA e RECiProCO  che sono stati inclusi nel report della Circular Cities Declaration (SCARICA QUI IL DOCUMENTO COMPLETO), il protocollo lanciato dal network globale ICLEI Europe, “Amministrazioni locali per la sostenibilità”, che ha visto finora l’adesione di oltre 70 città in 22 Paesi europei.

Il progetto ES-PA “Energia e Sostenibilità per la Pubblica Amministrazione” mira a rafforzare la capacità tecnica ed amministrativa della PA nei programmi di investimento energetico-ambientale pubblico. Finanziato dall’Agenzia per la Coesione Territoriale, offre alle amministrazioni regionali e territoriali prodotti, servizi, software e linee guida tecniche su 47 linee di attività ed ambiti tematici, dei quali 16 dedicati ai temi dell’efficienza energetica.

Il progetto RECiProCo  punta a realizzare strumenti e iniziative di economia circolare a vantaggio dei consumatori, attraverso un pacchetto di azioni che va dalla mappatura di buone pratiche sui temi dell’economia circolare, dell’efficienza energetica e della lotta alla povertà energetica,  allo sviluppo di forme di identificazione per prodotti e servizi con ridotto impatto ambientale. Nato grazie a una convenzione tra ENEA e il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, in due anni ha coinvolto, nella co-progettazione di attività per promuovere il consumo sostenibile e circolare, cittadini di Bologna, Taranto e Anguillara Sabazia (Roma).

Approccio sistemico ai temi della sostenibilità

“Le molteplici attività basate su un approccio sistemico per rafforzare i governi locali sui temi della sostenibilità sono stati i punti di forza che hanno permesso a questi nostri due progetti di essere citati nel report della Circular Cities Declaration”, commenta Carolina Innella, ricercatrice del Centro ENEA “La Trisaia” (Matera). “Oltre ai progetti ES-PA e RECiProCo, il report 2022 della CCD menziona anche le iniziative della Piattaforma italiana per l’economia circolare ICESP condotte nell’ambito delle attività a supporto della transizione circolare di città e territori” conclude.

WHITEPAPER
Come rendere sostenibile il business: roadmap, strumenti, normativa
Environment
Corporate Social Responsability

Il report 2022 della Circular Cities Declaration è stato preparato da ICLEI e da Ellen Mac Arthur Foundation, sulla base dei contributi forniti da 40 città europee in riferimento alle strategie e alle azioni di economia circolare realizzate e in corso nelle città che hanno aderito e sottoscritto la CCD. Per ciascuna azione è riportata una breve descrizione dell’ambito, dell’obiettivo e degli attori coinvolti e i collegamenti alla documentazione di supporto (collegamenti web, pubblicazioni, documenti, ecc.). Inoltre, per ognuna delle città sono descritte anche quali saranno le azioni future, quali sfide stanno affrontando e quali impegni della Declaration sulla transizione verso l’economia circolare stanno portando avanti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5