Al via la “Tim challenge for circular economy”

La nuova iniziativa coinvolge startup, Pmi e scaleup con l’obiettivo di individuare soluzioni innovative per un uso più efficiente delle risorse. Le soluzioni proposte dovranno dimostrarsi capaci di intervenire efficacemente su una delle diverse tipologie di spreco

26 Nov 2021

Redazione ESG360

Ha preso il via nei giorni scorsi la ‘Tim Challenge for Circular Economy’, la nuova call organizzata da Tim, attraverso Tim WCap, per individuare soluzioni che supportano l’economia circolare e fanno bene al pianeta. La sfida si rivolge a startup, Pmi e scaleup che potranno presentare i propri progetti tramite la piattaforma di Open Innovation di Tim fino al 24 gennaio 2022.

Le soluzioni proposte dovranno dimostrarsi capaci di intervenire efficacemente su una delle diverse tipologie di spreco e potranno riguardare diversi ambiti dell’attività aziendale quali:

  • la gestione dei rifiuti speciali civili e industriali (batterie, apparecchiature fuori uso, materiale RAEE, legno, plastica, carta, vetro, ferro e acciaio);
  • le infrastrutture industriali e civili (la rete fissa, la rete mobile, i data center, gli uffici aziendali);
  • le risorse, i materiali e i beni strumentali (apparati di rete e server, il rame);
  • i prodotti destinati al consumatore finale (smartphone, telefoni, tablet, modem, decoder e altri device).

Le proposte saranno valutate da una giuria composta da esperti del mondo della Sostenibilità, dell’Innovazione e dell’ICT: le società selezionate avranno l’opportunità di negoziare una collaborazione con Tim con possibilità di accesso facilitato nell’albo fornitori del Gruppo. La “TIM Challenge for Circular Economy” si avvale dell’esperienza di TIM WCAP, il Programma di Open Innovation di TIM che favorisce opportunità di business e di collaborazione con startup ready to market, Piccole e Medie Imprese e scaleup, e del supporto di LifeGate, società benefit, considerata il punto di riferimento della sostenibilità in Italia con una community di 5 milioni di persone.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5