Nexi migliora il rating su tutte e tre le direttrici ESG

Pubblicati i “verdetti” per il 2021 di S&P e CDP: in entrambi gli assessment, il punteggio della società è aumentato notevolmente, incrementando la classificazione nelle dimensioni Environmental, Social e Governance. Solo in ambito ambientale ottenuto un punteggio ‘A-‘ rispetto al ‘C’ del 2020. Fra gli altri successi registrati, l’inclusione nell’indice FTSE4Good e nell’indice MIB ESG, il primo indice blue-chip italiano progettato per identificare i principali emittenti italiani quotati che si distinguono per le best practices in ambito ESG

23 Dic 2021

Redazione ESG360

S&P Global Corporate Sustainability Assessment 2021 (in data 7 dicembre 2021) premia Nexi SpA con un aumento di 7 punti, da 61 nel 2020 a 68 (su 100) quest’anno, mostrando un miglioramento del rating della società in tutte e tre le dimensioni ESG.

Il miglioramento più significativo è nella area ‘Environmental’, che si riflette nella valutazione recentemente annunciata da CDP per il 2021, la quale comunica l’impatto ambientale di migliaia di aziende in tutto il mondo. Nel secondo anno della sua partecipazione, Nexi SpA ottiene un rating ‘A-‘, rispetto al rating ‘C’ ottenuto nel 2020.

Tale miglioramento nell’area ambientale è il risultato di diverse iniziative avviate tra il 2020 e il 2021, come la revisione dell’impronta di carbonio e l’estensione dell’impegno del Gruppo alle emissioni della supply chain, l’approvazione degli obiettivi net-zero e l’iniziativa Science Based Targets (SBTi), la certificazione ambientale ISO 14001 e la prima valutazione dei rischi e delle opportunità allineate al TCFD (Task Force on Climate-related Financial Disclosures).

Gli impegni Social e Governance

Nexi si è inoltre distinta per i suoi progressi in ambito “Social” e “Governance”. I principali miglioramenti “Social” sono legati alla pubblicazione dell’impegno per i diritti umani e al significativo miglioramento del processo di due diligence sui diritti umani per i fornitori. L’aumento del punteggio “Governance” riflette i continui sforzi per migliorare la trasparenza e rispecchia gli alti standard di cybersecurity e information security management del Gruppo.

WEBINAR
23 Settembre 2022 - 10:00
DIGITAL360 Semestrale 2022: scopri tutte le novità
Acquisti/Procurement
Amministrazione/Finanza/Controllo

Il miglioramento dei rating segue altri due importanti traguardi raggiunti dal Gruppo nel 2021: l’inclusione nell’indice FTSE4Good e nell’indice MIB ESG, il primo indice ESG blue-chip italiano progettato per identificare i principali emittenti italiani quotati che si distinguono per le best practices in ambito ESG.

Inoltre gli obiettivi recentemente approvati da SBTi in Italia rappresentano un primo passo verso l’ambizione del Gruppo di ridurre la propria impronta ambientale a livello globale. In autunno Nexi ha annunciato il suo impegno a lungo termine per lo sviluppo sostenibile e per diventare carbon neutral entro il 2040.

I punteggi S&P Global CSA e le valutazioni CDP

I punteggi ESG globali di S&P si basano sul Corporate Sustainability Assessment (CSA), valutazione annuale delle pratiche di sostenibilità delle società. Il CSA considera oltre 10.000 aziende in tutto il mondo e dal 1999 si concentra su criteri di sostenibilità specifici per i diversi settori e finanziariamente concreti. Tutte le aziende vengono valutate utilizzando il questionario CSA specifico del settore e la metodologia che riflette il punteggio di un’azienda rispetto ai peers del settore. Il CSA si concentra sulle performance passate e attuali in ambito ESG.

Nexi comunica il suo impatto sui cambiamenti climatici attraverso CDP, un’organizzazione no-profit globale che gestisce la piattaforma di divulgazione ambientale leader a livello globale. CDP guida le aziende e i governi nella riduzione delle emissioni di gas serra, nella salvaguardia delle risorse idriche e nella protezione delle foreste. Oltre 13.000 aziende con oltre il 64% della capitalizzazione di mercato globale hanno divulgato dati ambientali attraverso CDP nel 2021. Questo si aggiunge alle oltre 1.100 città, stati e regioni che si sono appoggiati alla piattaforma di CDP, rendendola una delle fonti di informazione più complete a livello globale su come aziende e governi stanno guidando il cambiamento ambientale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5