Sviluppo sostenibile

ESG, INWIT tra le più performanti: la conferma nell’indice FTSE4Good



Indirizzo copiato

Il Tower Operator italiano si distingue ancora una volta per le sue politiche ESG, mantenendo la sua posizione nella FTSE4Good Index Series con 3,6 punti (su un massimo di 5)

Pubblicato il 9 lug 2024



pexels-markus-winkler-1430818-19891034

INWIT, player italiano che opera nel settore delle torri di telecomunicazione, si è aggiudicato un posto per il terzo anno consecutivo nell’ambito della FTSE4Good Index Series, un indice curato da FTSE Russell che valuta le aziende più performanti a livello globale in termini di pratiche e trasparenza a livello ambientale, sociale e di governance (ESG). Gli indici FTSE4Good sono considerati un benchmark di riferimento e sono impiegati da una vasta gamma di attori del mercato finanziario per sviluppare o valutare prodotti di investimento orientati alla sostenibilità.

INWIT mette a segno un punteggio che supera la media del settore

Il rinnovato riconoscimento da parte di FTSE4Good testimonia l’efficace integrazione delle politiche ESG nella visione strategica di INWIT, come evidenziato dal Piano di Sostenibilità approvato dal Consiglio di Amministrazione. L’ultima revisione ha attribuito a INWIT un punteggio di 3,6 su 5 in termini di performance sostenibile, segnando un incremento rispetto al precedente 3,5. Questo risultato posiziona l’azienda oltre la media del settore a livello globale e riafferma il suo impegno verso la minimizzazione dell’impatto ambientale delle sue attività e la promozione del benessere, dello sviluppo e della sicurezza dei suoi collaboratori attraverso una governance mirata al successo sostenibile.

Un modello sostenibile che genera efficienza per comunità e ambiente

“Con la conferma dell’inclusione nell’indice di FTSE4Good si rafforza il nostro percorso ESG – ha sottolineato Michelangelo Suigo, Direttore Relazioni Esterne, Comunicazione e Sostenibilità di INWITIl modello di business intrinsecamente sostenibile di INWIT, grazie alle nostre infrastrutture digitali e condivise, è un generatore naturale di efficienza industriale, economica, sociale ed ambientale, a vantaggio delle comunità locali e dell’ambiente.”

Articoli correlati

Articolo 1 di 5