Best practise ESG

Schneider Electric: acciaio low-carbon per ridurre l’impatto ambientale dei prodotti

La big tedesca utilizzerà l’acciaio riciclato e rinnovabile XCarb della spagnola ArcelorMittal per costruire armadi e cabine elettriche. Il materiale è realizzato con un’altissima percentuale di acciaio riciclato ed è lavorato in un forno elettrico ad arco, alimentato con energia elettrica rinnovabile al 100%

Pubblicato il 30 Nov 2023

Scheider-Sestao-XCarb-2.jpg

ArcelorMittal, player globale nel settore siderurgico e minerario, e Schneider Electric, leader nella trasformazione digitale della gestione dell’energia e dell’automazione, danno vita a una partnership in base alla quale ArcelorMittal fornirà a Schneider Electric l’acciaio riciclato e prodotto in modo rinnovabile XCarb, che Schneider utilizzerà per costruire armadi e cabine elettriche.

Prodotto presso lo stabilimento ArcelorMittal di Sestao, in Spagna, l’acciaio riciclato e rinnovabile XCarb è realizzato con un’altissima percentuale di acciaio riciclato ed è lavorato in un forno elettrico ad arco, alimentato con energia elettrica rinnovabile al 100%. Ciò si traduce per chi lo utilizza in emissioni di CO inferiori di quasi il 70% rispetto allo stesso prodotto realizzato senza l’acciaio riciclato e rinnovabile XCarb.

Un rivestimento per i nuovi armadi a pavimento

L’acciaio riciclato e rinnovabile XCarb di ArcelorMittal sarà utilizzato da Schneider Electric per produrre i nuovi armadi a pavimento PanelSeT SFN, pensati per proteggere i quadri elettrici di grandi dimensioni per l’automazione industriale, la distribuzione di energia e le applicazioni elettroniche. Poiché questi armadi sono costruiti per resistere ad ambienti operativi difficili, l’acciaio XCarb riciclato e prodotto in modo rinnovabile è anche rivestito con Magnelis, un rivestimento metallico che offre un’elevata protezione dalla corrosione.

La partnership è il risultato di diversi mesi di collaborazione tecnica tra ArcelorMittal Steel Services Centre Europe e Schneider Electric, per individuare il tipo di acciaio e il rivestimento più adatto al progetto. All’inizio di quest’anno, Schneider Electric ha annunciato l’apertura di una nuova officina di profilatura presso il suo stabilimento di Sarel, in Alsazia, Francia, per preparare le parti di armadio in acciaio a basse emissioni di carbonio che vengono poi assemblate nello stabilimento Schneider di Capellades, vicino a Barcellona, Spagna. L’acciaio a basse emissioni di carbonio utilizzato in questi impianti viene fornito da ArcelorMittal Steel Service Centres Europe dal suo centro di distribuzione di Reims, in Francia.

Partnership per un futuro più sostenibile

“In Schneider Electric la sostenibilità è al centro della nostra missione e ci spinge a innovare e creare un futuro più sostenibile. Noi la chiamiamo Elettricità 4.0, ovvero ciò che si ottiene dall’integrazione delle tecnologie digitali con l’elettrificazione per la sostenibilità.  In questo percorso riconosciamo il valore di creare partnership per produrre un impatto ancora maggiore, mentre perseguiamo i nostri obiettivi net-zero”  ha dichiarato Rohan Kelkar, Executive Vice-President della divisione Power Products di Schneider Electric.

Commentando la partnership con Schneider Electric, Cédric Bouzar, CEO di ArcelorMittal Downstream Solutions, ha dichiarato: “Siamo orgogliosi di essere partner e fornitori di Schneider Electric, soprattutto in considerazione della leadership dell’azienda in materia di sostenibilità e riduzione delle emissioni di CO2 nella sua catena del valore. Molte persone in ArcelorMittal hanno contribuito al successo di questa collaborazione, che ha portato l’acciaio XCarb riciclato e prodotto in modo rinnovabile a far parte di un nuovo prodotto a basse emissioni di carbonio. Noi di ArcelorMittal Downstream Solutions non vediamo l’ora di lavorare con Schneider Electric su altri progetti di questo tipo, in futuro”.

Un nuovo tassello della roadmap ESG di Schneider Electric

In base agli impegni presi per l’azzeramento delle emissioni, convalidati dall’iniziativa Science-based Targets, Schneider Electric prevede di essere “net-zero ready” in tutte le sue attività entro il 2030, con un obiettivo di riduzione assoluta delle emissioni di carbonio del 25% in tutta la sua catena del valore.

L’azienda ha fissato obiettivi specifici per aumentare al 50% il volume di materiali green – tra cui l’acciaio a basse emissioni di carbonio – utilizzati nei suoi prodotti, nell’ambito del programma Schneider Sustainability Impact 2021-2025. Schneider Electric è anche membro dell’iniziativa Responsible Steel che promuove la diffusione dell’uso di acciaio realizzato in modo responsabile, nella materia prima e nella produzione.

ArcelorMittal Europe ha l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 del 35% entro il 2030 e raggiungere la carbon neutrality entro il 2050.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4