L’ANALISI

Net Zero, obiettivo irraggiungibile senza economia circolare



Indirizzo copiato

Il punto di vista di Darren West, product expert circular economy di Sap: “Ci si concentra soprattutto su efficienza energetica e transizione alle rinnovabili, ma questo rappresenta soltanto il 55% delle emissioni. Il restante 45% è legato a prodotti, materiali e alimenti”

Pubblicato il 23 apr 2024



economia circolare

“La connessione tra emissioni net-zero ed economia circolare è supportata dalla ricerca. Quando si tratta di ridurre i gas serra, ci si concentra soprattutto sul miglioramento dell’efficienza energetica e sulla transizione dai combustibili fossili alle fonti rinnovabili, ma questo rappresenta solo il 55% delle emissioni di gas serra. Il restante 45% è legato a prodotti, materiali e alimenti”. A dirlo è Darren West, product expert Circular Economy di Sap, che cita a supporto della sua analisi alcune iniziative che anche la politica ha iniziato a prendere nella direzione dell’economia circolare.

E’ il caso del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che ha incluso l’economia circolare tra i cinque punti chiave del l’iniziativa “net-zero game changers” per l’accelerazione dell’innovazione nei prodotti industriali e nei combustibili per un’economia circolare a zero emissioni, o dell’Unione Europea che ha inserito nel proprio green deal il nuovo Circular Economy Action Plan (CEAP).

La plastica e l’economia circolare

Un esempio delle grandi potenzialità dell’economia circolare nella prospettiva net-zero viene dalla plastica: “Le Nazioni Unite stanno collaborando a livello multilaterale per creare una politica di regolamentazione della plastica – spiega West – Il Trattato delle Nazioni Unite sulle materie plastiche è un consenso di 175 nazioni per la stipula di un accordo giuridicamente vincolante per affrontare l’inquinamento da plastica entro la fine del 2024. Si tratta di un risultato importante perché la plastica è diventata fondamentale per i prodotti che creiamo e per gli imballaggi. La plastica ha un impatto enorme sull’ambiente a causa delle emissioni generate per la sua produzione e dei rifiuti di plastica gettati in modo scorretto che inquinano l’aria, gli oceani, il nostro cibo e persino il nostro sangue”.

Darren West, product expert Circular Economy di Sap

Attualmente domina l’economia lineare, poiché solo il 7,2% delle risorse mondiali viene riutilizzato o riciclato – prosegue West – Nel caso della plastica, estraiamo il petrolio dal suolo, lo trasformiamo in prodotti e imballaggi, che usiamo e buttiamo via. Continuare così non è un’opzione perché finiremo le risorse, peggioreremo il riscaldamento globale e causeremo ulteriori danni al nostro ecosistema. L’economia circolare consiste nel far circolare le risorse in cicli, in modo che i materiali mantengano il loro valore e possano essere riutilizzati”.

Gli investimenti di oggi per i benefici di domani

Secondo l’analisi di West se non si è ancora imboccata con decisione la strada dell’economia circolare è a causa di una ragione economica: “A lungo termine – spiega – , l’economia circolare creerà posti di lavoro, ridurrà i costi, migliorerà la redditività e renderà sicure le linee di approvvigionamento. Per raggiungere questo obiettivo, tuttavia, sono necessari ingenti investimenti di capitale nel breve periodo. Inoltre, sono necessari più dati per aiutarci a capire le conseguenze delle nostre decisioni. E abbiamo bisogno di un nuovo modo di lavorare, più collaborativo”.

La circolarità “by design”

Secondo West, inoltre, sarà necessario fare formazione per spiegare agli addetti ai lavori di ogni settore i potenziali vantaggi dell’economia circolare: “Dobbiamo investire nella progettazione e nella produzione di prodotti che tengano conto della circolarità. Dobbiamo adattare e costruire macchinari e sistemi per recuperare le risorse dai prodotti esistenti e trasformarle. Il mercato del lavoro deve evolversi per formare le persone alle competenze necessarie e per rendere attrattivi i lavori dell’economia circolare, con buoni pacchetti di retribuzione e benefit – spiega – Una maggiore ricchezza deve inoltre risalire la supply chain per garantire la sostenibilità delle materie prime e consentire una crescita e una produzione sostenibile”.

Il ruolo di Sap

Grazie all’analisi dei dati le aziende possono ottenere insight sul flusso e la tracciabilità dei materiali. Questo si traduce in nuove opportunità per evitare gli sprechi, prolungare i periodi di utilizzo, recuperare e rigenerare i materiali e prendere decisioni informate su prodotti e imballaggi.

“È qui che entra in gioco Sap – spiega West – Prendiamo ancora una volta la plastica: la soluzione SAP Green Token può aiutare le aziende a rintracciare le materie plastiche fino al polimero di origine, per capire quale tipo di materiale è stato utilizzato in ogni elemento plastico di un prodotto. Questo può facilitare le aziende a dimostrare le credenziali ambientali di una determinata plastica. SAP Responsible Design and Production aiuta a capire quanto un componente sia riciclato e riciclabile e può agevolare l’azienda a comprendere il vero costo end-to-end di un materiale. Questo può essere utile per regolamentare determinati materiali a fini comparativi e decisionali, e anche per permettere alle aziende di prevedere le imposte e le tasse associate ai loro prodotti”.

Ma per adottare l’economia circolare anche il modo di lavorare deve evolversi: “Invece di lavorare in silos all’interno delle nostre singole aziende e nelle catene di fornitura verticali, dobbiamo collaborare per condividere i dati e riunire le competenze e i processi. Ad esempio, SAP collabora con gruppi di aziende, come il Wbcsd, per stabilire quadri di riferimento per lo scambio di dati. Oggi, SAP Sustainability Data Exchange analizza il carbonio incorporato nei prodotti, ma l’applicazione può essere estesa per tenere traccia di altre informazioni importanti sui materiali per l’economia circolare, come gli elementi riciclati o il contenuto di acqua”.

“L’ambizione – conclude – è quella di replicare questo approccio alla plastica per altri prodotti, come l’acciaio, le batterie, l’elettronica, i tessuti, persino gli alimenti. Con un’economia circolare in tutti questi settori, sono convinto che avremo percorso metà della strada verso lo net-zero e se, parallelamente, gli esperti di energia continueranno a spostare l’ago della bilancia sull’efficienza energetica e sulla produzione di energia rinnovabile, sapremo percorrere il resto della strada”.

Articoli correlati

Articolo 1 di 5