Economia sostenibile

Net-zero, UE: sì al regime italiano da più di 1 miliardo per la produzione di attrezzature strategiche



Indirizzo copiato

La Commissione ha approvato un regime italiano da 1,1 miliardi di euro per sostenere la produzione di attrezzature fondamentali per un’economia a impatto zero, in linea con il Green Deal Industrial Plan. Si tratta di: batterie, pannelli solari, pompe di calore, turbine eoliche, elettrolizzatori e strumenti per la cattura, l’utilizzo e lo stoccaggio del carbonio

Pubblicato il 11 mar 2024



Clean,Energy,Industry,4.0,Innovation,And,Technology,Concept.,Ecology,Green

La Commissione europea ha dato il via libera a un regime italiano del valore di 1,1 miliardi di euro, finalizzato a incentivare la produzione di attrezzature strategiche – in particolare batterie, pannelli solari, pompe di calore, turbine eoliche, elettrolizzatori e strumenti per la cattura, l’utilizzo e lo stoccaggio del carbonio – per la transizione verso un’economia a zero emissioni nette, in linea con il piano industriale del Green Deal.

Il regime è stato autorizzato nel contesto del quadro temporaneo di crisi e transizione per gli aiuti di Stato, istituito dalla Commissione il 9 marzo 2023 e successivamente modificato il 20 novembre dello stesso anno, con l’obiettivo di sostenere settori chiave per l’accelerazione della transizione verde e la riduzione della dipendenza dai combustibili fossili.

Ecco le imprese che potranno beneficiare degli aiuti

Nell’ambito della misura, che sarà parzialmente finanziata attraverso il dispositivo per la ripresa e la resilienza, l’aiuto assumerà la forma di sovvenzioni dirette. Il massimo contributo per beneficiario sarà pari a 150 milioni di euro, cifra che potrà essere incrementata fino a 200 milioni per i beneficiari situati nelle cosiddette “zone c” e fino a 350 milioni per quelli nelle “zone a”.

Come accennato all’inizio, della misura potranno beneficiare le imprese che producono attrezzature pertinenti, vale a dire batterie, pannelli solari, turbine eoliche, pompe di calore, elettrolizzatori, strumenti per la cattura, l’utilizzo e lo stoccaggio del carbonio (nota come CCUS), nonché componenti essenziali progettate e principalmente utilizzate come fattori di produzione diretti per la fabbricazione di tali attrezzature o le relative materie prime necessarie per la loro fabbricazione.

I contributi saranno concessi entro il 31 dicembre 2025

La Commissione ha ritenuto che il piano italiano rispetta le condizioni stabilite nel quadro temporaneo di crisi e transizione. In particolare, gli aiuti favoriranno la produzione di attrezzature adatte a promuovere la transizione verso un’economia a emissioni nette nulle e saranno concessi entro il 31 dicembre 2025.

La Commissione ha concluso che il piano italiano è necessario, adeguato e proporzionato per accelerare la transizione verde e facilitare lo sviluppo di alcune attività economiche cruciali per l’attuazione del piano industriale del Green Deal, in conformità con l’articolo 107, paragrafo 3, lettera c), TFUE e le condizioni stabilite nel quadro temporaneo di crisi e transizione.

Pertanto, la Commissione ha approvato il piano di aiuto in quanto conforme alle normative dell’Unione sugli aiuti di Stato.

Articoli correlati

Articolo 1 di 5