Database

The Human Impacts Database fa luce sull’impatto dell’uomo sulla Terra

Creato da un team di ricercatori, lo Human Impacts Database è composto da 300 set di dati critici e numerici che possono essere utilizzati per visualizzare il nostro impatto sul pianeta che chiamiamo casa. Così, cittadini e scienziati potranno sviluppare intuizioni basate sui dati sul modo in cui funziona il mondo e prendere decisioni più informate

19 Ago 2022

Negli ultimi 10.000 anni, le attività umane hanno trasformato la Terra attraverso l’agricoltura, la silvicoltura, l’estrazione mineraria e l’industria. I complessi risultati di queste attività sono ora osservati e quantificati come “impatti umani sull’atmosfera terrestre, sugli oceani, sulla biosfera e sulla geochimica. Mentre una miriade di studi hanno esplorato gli aspetti degli impatti umani sul pianeta, sono spesso tecnici e strettamente focalizzati. Pertanto, trovare informazioni quantitative affidabili richiede un notevole investimento di tempo per valutare ogni quantità, i suoi metodi di determinazione e l’incertezza associata.

Per questo, i ricercatori della Divisione di Biologia e Ingegneria Biologica del Caltech (Istituto di Tecnologia della California) hanno sviluppato The Human Impacts Database: un database che fornisce un accesso centralizzato ai dati quantitativi sulla miriade di modalità in cui gli esseri umani hanno un impatto sul pianeta Terra, fornendo al contempo collegamenti a database più specializzati. Il “database degli impatti umani” è progettato per essere accessibile a scienziati, responsabili politici e comuni cittadini e fornisce informazioni che vanno dalla produzione globale di plastica, al numero di bovini sulla Terra, all’innalzamento medio annuale globale del livello del mare.

The Human Impacts Database: cos’è

Ogni voce mette in relazione un valore quantitativo (o una serie temporale di valori) insieme a un chiaro riferimento della fonte primaria, il metodo di misurazione o stima, una valutazione dell’incertezza, collegamenti ai dati sottostanti, nonché un identificatore permanente chiamato Human Impacts ID (“HuID”). I dati sono suddivisi in cinque categorie principali: acqua, energia, flora e fauna, cicli atmosferici e biogeochimici e terra che includono 20 sottocategorie. Ove disponibile, il database include serie temporali per illustrare come questi numeri sono cambiati nel corso degli anni.

WHITEPAPER
Customer Data Platform: cos'è e perché apre una nuova era per i marketer
Big Data
CRM

I visitatori dell’HuID possono selezionare uno qualsiasi di questi set di dati da un menu predeterminato di categorie come acqua, energia e terra, nonché da una serie di sottocategorie. Oppure, se sai più specificamente cosa vuoi guardare, come il pH dell’oceano, puoi semplicemente digitarlo nella barra di ricerca. Il database quindi estrae tutti i set di dati correlati in base alla selezione e puoi leggerli e visualizzare un grafico che mostra come le nostre risorse naturali sono cambiate nel tempo.

human impacts database
Un’infografica che illustra vari valori numerici rilevanti per l’impatto umano sull’ambiente.
Credito: G. Chure

Il team che l’ha creato

Questo database deriva dal generoso sostegno finanziario del Resnick Sustainability Institute presso il California Institute of Technology e dal Schwartz-Reisman Collaborative Science Program. Un articolo che descrive la ricerca è apparso sulla rivista scientifica Patterns il 3 agosto. Il progetto è stato condotto nel laboratorio di Rob Phillips, Fred e Nancy Morris Professor of Biophysics, Biology, and Physics; e guidato dagli ex studenti laureati Griffin Chure (PhD ’20) e Rachel Banks (PhD ’22).  Il team spera che avendo accesso a semplici numeri sugli impatti umani, cittadini e scienziati possano sviluppare intuizioni basate sui dati sul modo in cui funziona il mondo e prendere decisioni più informate.

Rob Phillips e Ron Milo gestivano entrambi gruppi di ricerca accademici dedicati alle dissezioni quantitative di fenomeni biologici e fisici e hanno visto quanto incredibilmente utile avere un facile accesso ai dati quantitativi possa essere sulla strada della scoperta. Oltre a una varietà di pubblicazioni scientifiche, Rob e Ron sono co-autori di Cell Biology by the Numbers che esplora i fenomeni della biologia cellulare attraverso una lente quantitativa. Inoltre, hanno costruito e curato il Database BioNumbers che, nello spirito del Database degli Impatti Umani, è destinato a servire come riferimento quantitativo nella biologia molecolare e cellulare.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

C
Caltech

Approfondimenti

B
Big Data
D
Data Science

Articolo 1 di 5