L'evento

Huawei, a Roma l’edizione europea 2024 di “Seeds for the future”

L’iniziativa dedicata alla formazione dei giovani talenti Ict si svolgerà a luglio e coinvolgerà studenti da tutta Europa. Intanto si è appena conclusa con la cerimonia di premiazione a Pechino l’edizione 2023 del programma.

Pubblicato il 30 Gen 2024

Si svolerà a luglio a Roma l’edizione 2024 di “Seeds for the Future”, l’iniziativa di Huawei rivolta alla formazione dei giovani talenti in ambito Ict. L’annuncio è arrivato durante l’evento finale del programma europeo che si è svolto nei giorni scorsi a Pechino, e che ha coinvolto un gruppo selezionato di partecipanti provenienti da 18 Paesi del Vecchio Continente.

La tecnologia per la sostenibilità

“Siamo orgogliosi di annunciare un nuovo capitolo del progetto Seeds for the Future, un’edizione coinvolgente e interamente in presenza che si svolgerà a Roma, in Italia, nel luglio 2024 – afferma Radoslaw Kedzia, senior vice president di Huawei Europe – Questa iniziativa, guidata dallo spirito di collaborazione e dialogo internazionale, riunirà studenti provenienti da ogni parte d’Europa, promuovendo un vivace ecosistema per l’apprendimento e lo sviluppo collaborativo di idee per startup che mettono la tecnologia al servizio di un mondo più connesso e sostenibile, attraverso la competizione globale Tech4Good. Oggi invitiamo ufficialmente gli studenti che scelgono percorsi di studio in ambito Stem a unirsi a questa esperienza trasformativa e a contribuire a plasmare in meglio il futuro della tecnologia”.

WHITEPAPER
Crowdfunding: cos'è, come funziona e le migliori piattaforme

Le nuove borse di studio

Nell’occasione Huawei ha inoltre annunciato il lancio di un programma di borse di studio per supportare i più brillanti studenti Ict nei Paesi Bassi, in Bulgaria e a Cipro.

“Aziende come Huawei stanno investendo privatamente, parallelamente a iniziative istituzionali, come quelle dell’Unione Europea e degli Stati membri”, commenta l’ambasciatrice di Cipro, Martha Mavrommatis, portando il messaggio della ministra dell’Istruzione, dello Sport e della Gioventù, Athena Michaelidou, mentre Annette Nijs, ex-segretario di Stato per l’Istruzione nei Paesi Bassi, precisa che “L’impegno di Huawei nell’incoraggiare gli studenti che abbracciano le discipline Stem è tanto ammirevole quanto importante. Infatti la tecnologia continuerà a creare un cambiamento fondamentale nel modo in cui viviamo e lavoriamo”. “Seeds for the Future, il principale programma di Csr di Huawei, non solo esemplifica la responsabilità aziendale, ma dimostra l’impegno nel guidare i giovani talenti a livello globale – conclude l’ambasciatore della Moldavia, Dumitru Bragish – Progettato per plasmare la prossima generazione di leader nell’era digitale, va oltre le competenze tecniche promuovendo un senso di cittadinanza globale, incoraggiando lo scambio culturale e favorendo lo spirito imprenditoriale”.

La cerimonia di chiusura dell’edizione 2023

 Durante l’evento finale i giovani che hanno partecipato al programma hanno potuto presentare i loro lavori e sono stati coinvolti in sessioni di approfondimento su connettività e innovazione con esperti di tecnologia e in tavole rotonde su temi chiave come la diversità e l’inclusione, la transizione digitale green e la sostenibilità.

Ad aprire i lavori è stato il professor Shahbaz Khan, direttore dell’ufficio regionale multisettoriale dell’Unesco per l’Asia Orientale: “Siamo lieti di vedere che la visione dell’Unesco e quella di Huawei sono allineate nell’intento di combattere l’analfabetismo digitale tra i giovani – ha detto –  Nel febbraio 2023, Huawei è la prima azienda privata a diventare membro associato dell’Unesco Global Alliance for Literacy (Gal), impegnandosi così a migliorare l’uso della tecnologia da parte degli insegnanti nei Paesi in via di sviluppo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5